Iscriviti i alla newsletter








Corleone inaugura la Bottega e il Laboratorio della Legalità. PDF Stampa Email
articoli - Corleone
Scritto da Giuseppe Crapisi   
Domenica 15 Agosto 2010 17:50

Ministero dell' Ilaboratorio_legalit_corleonenterno - La ex casa di Provenzano diventa la 'Bottega dei sapori' Dopo il vertice sulla sicurezza a Palermo, il ministro dell'Interno si è recato nella città simbolo della mafia siciliana per inaugurare, con il ministro della Giustizia Alfano, la struttura dove si potranno acquistare i prodotti delle terre confiscate alla mafia

. Maroni: «Un momento commovente» «È un momento commovente l'inaugurazione di questa bottega, è un atto simbolico molto importante che evidenzia lo sforzo fatto per sequestrare i beni ai mafiosi e metterli a disposizione della comunità». Lo ha detto il ministro dell'Interno Roberto Maroni giunto oggi a Corleone (Pa), dopo il vertice sulla sicurezza a Palermo, per inaugurare, con il ministro della Giustizia Angelino Alfano, la 'Bottega dei sapori', in una delle case confiscate alla famiglia del boss di Cosa Nostra Bernardo Provenzano. Presenti, tra gli altri, il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Gianni Letta, il sottosegretario all'Interno Alfredo Mantovano, il direttore dell'Agenzia nazionale dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata Mario Morcone, nonché i vertici delle Forze dell'ordine e dell'intelligence.L'edificio di 180 metri quadrati disposto su tre livelli al centro della città, di proprietà del comune, è gestito dal consorzio Sviluppo e Legalità che lo ha trasformato in una vera e propria bottega alimentare dove saranno in vendita i prodotti provenienti dalle terre confiscate, oltre che a Provenzano, a Riina, Brusca e Bagarella. Il consorzio, costituito dai comuni di Altofonte, Camporeale, Corleone, Monreale, Piana degli Albanesi, Roccamena, San Cipriello, San Giuseppe Jato, utilizza tutto il patrimonio confiscato a Cosa Nostra e dispone di 700 ettari di terra, dove lavorano circa 100 persone, tra soci delle cooperative 'Placido Rizzotto', 'Lavoro e non solo', 'Elios' e 'Pio La Torre' e concessionarie dei beni da parte del consorzio, oltre all'indotto che si è creato nel territorio. I prodotti sono commercializzati su scala nazionale con il marchio 'Prodotto biologico delle terre del Consorzio Sviluppo e Legalità liberate dalla mafia'. Guarda la galleria fotografica

 

   

    

Gli interventi  del Sindaco di Corleone Nino Iannazzo e del  ministro Maroni

 

 A Corleone l'ultimo bene confiscato alla mafia da oggi è a disposizione della collettività. Nel centro storico di Corleone nel Cortile Colletti in un immobile di due piani confiscati alla famiglia Provenzano, è stata inaugurata la Bottega della Legalità, dove saranno venduti i prodotti delle cooperative che lavorano nei terreni confiscati alla mafia e il Laboratorio della Legalità, dove si potranno vedere circa cinquanta opere pittoriche del maestro partinicese Gaetano Porcasi, che raccontano visivamente 100 anni di storia della mafia e dell'antimafia. Il Laboratorio è un'associazione di associazioni voluta dal Comune di Corleone.

  La struttura è stata inaugurata alla presenza dei ministri dell'interno e della Giustizia Maroni, del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Letta e tra gli altri del capo della polizia, Manganelli, dei comandanti dei Carabinieri e della GDF, Gallitelli e Di Paolo. Presenti anche i sindaci del Consorzio Sviluppo e Legalità e per l'occasione è venuto anche Don Luigi Ciotti Presidente onorario di Libera. Il Sindaco di Corleone Antonino Iannazzo ha detto che da oggi la casa di Provenzano è tornata allo Stato e ai corleonesi. Ha parlato anche del fatto che questa terra ha fatto passi avanti e che "non abbiamo paura di stare in questo immobile con voi e di restarci". Il Ministro Maroni ha parlato dei risultati del Governo nel contrasto alle mafie e in particolare dell'importanza dell'Agenzia dei beni confiscati alla criminalità organizzata. Ha ringraziato le forze dell'ordine e la magistratura per il lavoro svolto quotidianamente ma anche i sindaci che sono in prima fila. Parlando della giornata ha detto che "oggi è un momento commovente ed emozionante, un atto simbolico molto importante che evidenzia lo sforzo fatto per sequestrare i beni ai mafiosi e metterli a disposizione della comunità". A concluso dicendo che Corleone era il simbolo della mafia e oggi è il simbolo dell'antimafia. Dopo la visita degli ospiti, la struttura è stata aperta al pubblico e l'immobile è stato riempito dai volontari del progetto Liberarci dalle Spine, che lavorano nei terreni confiscati. In modo festoso e cantando i "cento passi" per riappropriarsi di quel bene che per alcune ore è stato blindato per accogliere i rappresentanti dello Stato italiano.

 

fotocameraLe foto dell' evento


rssfeed
Favoriten Twitter Facebook Myspace Stumbleupon Digg MR. Wong Technorati aol blogger google reddit YahooWebSzenario
 
Altri Articoli :

» PREMIO DI GIORNALISMO GIORNALE L’ORA 18 DICEMBRE CORLEONE - COMPLESSO MONUMENTALE SANT’AGOSTINO

Ha raccontato per decenni la Sicilia più vera, gli scandali, i cronisti scomparsi, gli omicidi di mafia, inchiodandone per primo la parola in un titolo. Il giornale L'Ora – il "L'Ora" per i palermitani e per gli strilloni che ogni pomeriggio lo...

» PREMIO GIORNALE L’ORA

Giovedì    18 dicembre 2014 alle ore 11,00 presso il Complesso Monumentale Sant’Agostino di Corleone proiezione del video realizzato da Rai Storia tratto da Diario Civile - L'Ora, storia di un giornale antimafia.A seguire  un...

» PREMIO DI GIORNALISMO GIORNALE L’ORA

CORLEONE 18 DICEMBRE 2014COMPLESSO MONUMENTALE SANT'AGOSTINOIl giornale L'Ora è stato un quotidiano che ha segnato un periodo storico estremamente importante per i lettori della città di Palermo e della sua provincia.Le pagine scritte dal...

» Tempo di premi, uno se lo dividono Corleone Dialogos e AlqamaH

Beh ricevere un premio anche se di parte ci rende orgogliosi e in un attimo ci fa pensare a ognuno di noi di ciò che in più di un decennio abbiamo fatto per questa Città. Io non voglio dare premi ma voglio dire Grazie al nostro direttore Rino...

» Prorogata l’apertura dell’Agenzia dell’Entrate di Corleone. ORA il comune di CORLEONE agisca in fretta!!!

Martedì, 2 dicembre 2014, i tecnici dell’Agenzia delle Entrate hanno eseguito il sopralluogo dei locali designati dall’amministrazione comunale, siti nell’ex tribunale di Corleone, e hanno appurato che questi sono idonei a ospitare la sezione...

» Corleone tra i comuni commissariati per il Bilancio

Le tante proroghe non sono bastate: sono tanti i centri (compresi quasi tutti i capoluoghi) a non avere i conti a posto. Così, l'assessore Castronovo invia i funzionari regionali che potranno sostituirsi ai sindaci e persino avviare lo scioglimento...

» Agenzia delle Entrate di Corleone nell’ex Tribunale: ipotesi fattibile?

ORA Corleone, una settimana fa, avendo presentato una richiesta in merito all'uso degli immobili del Comune di Corleone, per mantenere la presenza dei servizi offerti dalle amministrazioni non comunali, è venuta a conoscenza che l’Agenzia delle...

» Dialogos incontra i ragazzi dell'istituto Don Calogero Di Vincenti

Venerdì 28 novembre, siamo stati invitati dagli studenti dell'Istituto Don Calogero Di Vincenti, scuola occupata, per parlare di riforma del lavoro, Jobs Act e futuro delle nuove generazioni. Abbiamo raccontato di chi ha dato tanto per la nostra...

» Corleone Dialogos e Apertura a Strappo al liceo F. Scaduto di Bagheria

Entro, mi siedo e casomai ripasso due minchiate di matematica che dopo la conferenza e dopo la ricreazione ci sarà il compito e ancora devo rivedere tutti gli esercizi, e tanto questi dicono sempre le stesse cose, loro sono la mafia noi siamo...

» Corleone ricorda Bernardino Verro

Si sono svolte ieri in mattinata le iniziative per ricordare Bernardino Verro nel giorno del novantanovesimo anniversario della sua barbara uccisione. Dopo la deposizione di fiori e corone d'alloro sul busto a lui dedicato, le manifestazioni sono...

» Corleone, il film "1893. L'inchiesta" per ricordare Bernardino Verro

» Il boss Bagarella sconta il 41bis a Nuoro Da qui la sua lotta contro il carcere duro

Il boss, cognato di Totò Riina, è stato trasferito a Nuoro a settembre. Ha scritto al giudice di sorveglianza protestando per le condizioni della cella. È sotto accusa al processo sulla trattativa Stato-Mafia.

» Nasce l'Ospedale riunito Partinico-Corleone

È in arrivo una bufera nella costosa Sanità di Sicilia. Un vento fortissimo che spazzerà via quasi 500 poltrone di primari e assistenti medici in tutti gli ospedali, pubblici e privati convenzionati. I numeri di questa rivoluzione viaggiano in...

» Corleone: Sindaco e Presidente del Consiglio contro dopo l'attentato

CORLEONE – Chiesta dai consiglieri comunali di opposizione lo svolgimento di una riunione del comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica. Giovedì sera, durante la seduta straordinaria del consiglio comunale, il Sindaco Lea Savona,...

» Corleone, bruciato l'escavatore del presidente del Consiglio

Il rogo è stato appiccato tra contrada Chiosi e contrada Pilastro nella proprietà agricola di Stefano Gambino

Commenti  

 
#6 orenbuch 2010-09-29 10:53
ecco il mio opinione:io trova vile d'avere confisca la casa della famiglia Provenzano,con il pretesto che e"BINNU"che loro ha fa regalo?e falso,e grazia SIMONE e SALVATORE,che con loro ristaurante in Dusseldorf in tedeshi a molto lavoro per contruire loro casa,oggi confiscato!de piu "BINNU"e un capro espiatorio,e molto facile di raconta che lui era pericoloso...dove la prova?al contrario di"enrich priebke"lui criminale nazi vive al liberta al ROMA,lui ha appartamento,lu i non e al carcere!!!,lui che a uscide molto ebreos!!!ecco ce che "BINNU"e capro espiatorio!verg ogna!
Citazione | Segnala all'amministratore
 
 
#5 Francesco Milazzo 2010-08-16 17:02
Devo chiedere a Giuseppe se hanno messo la segnaletica.
Comunque vista la tua segnalazione ho comunicato al Laboratorio di cominciare a inserire nel loro profilo facebook e sui loro contatti anche la coordinate cosi da dare un idea dell ubicazione ciao
Citazione | Segnala all'amministratore
 
 
#4 Leoluca Criscione 2010-08-16 08:39
Nel commento precedente il testo é stato tagliato, forse perché messo tra virogolette,
ripeto senza virgolette etc

chi cerca vicolo colletti su google maps, l'unica risposta che riceve é vicolo colletti, bisacquino (vicino Corleone)
Citazione | Segnala all'amministratore
 
 
#3 Leoluca Criscione 2010-08-16 08:35
Caro Francesco,
Come fatto notare, chi cerca , su Google Maps, l'unica risposta che riceve é:
.
Fareste bene a segnalarlo, Ciao Leoluca
Citazione | Segnala all'amministratore
 
 
#2 Francesco MIlazzo 2010-08-15 20:45
eccoti le coordinate google 37.813268,13.304406.
in effetti il cortile , la zona è "chiazza suprana " ,non c è però se inserisci queste coordinate su google maps e usi street view il cortile è la prima traversa a sinistra . L'edificio è quello al 1° angolo con via colletti che in foto di maps non è ancora ristrutturato
Citazione | Segnala all'amministratore
 
 
#1 Leoluca Criscione 2010-08-15 20:00
dove si trova il Cortile Colletti a Corleone? non si trova né sulle pagine vianche e né su google earth!!!!!!
Citazione | Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

Hai la possibilità di inserire il commento che esprime la tua opinione. Ci piacerebbe che per correttezza tu firmassi il commento. I commenti anomini saranno eliminati. grazie


Codice di sicurezza
Aggiorna