Iscriviti i alla newsletter








La figlia di Totò Riina lascia Corleone ora vive nel Brindisino PDF Stampa Email
articoli - Corleone
Scritto da Amministratore   
Domenica 22 Aprile 2012 08:33

riinadi Tonio Tondo

San Pancrazio Salentino (BRINDISI) - «Sono Maria Concetta Riina, figlia di Totò Riina, sono venuta a scuola per iscrivere i miei figli». Si è presentata così alle insegnanti della scuola elementare la figlia maggiore del boss di Cosa Nostra, da anni al carcere duro per una serie di ergastoli. Da Corleone, cuore della mafia, a San Pancrazio Salentino: è stata una sorpresa per la cittadina brindisina, poco più di 10mila abitanti, luogo di transito tra le tre province salentine. Una sorpresa che rapidamente si è trasformata in notizia e infine in preoccupazione. E così il giovane sindaco, Salvatore Ripa, da un anno eletto con una giunta di centrosinistra, ha chiesto e ottenuto un incontro con il prefetto di Brindisi Nicola Prete per chiedere informazioni ed esprimere i timori della comunità.

La signora Maria Concetta, 36 anni, è a San Pancrazio da un mese insieme con i suoi tre figli. Ma il primo a giungere in paese è stato il marito, Tony Ciavarello, sembra a novembre, probabilmente per verificare le condizioni dell'accoglienza. Ciavarello avrebbe trovato lavoro nel settore commerciale di un'azienda meccanica, la «C.T.», attiva nel campo della revisione dei motori. È stato lui a trovare l'abitazione, in un condominio di quattro piani al centro del paese, a pochi passi dal Municipio, dove ospitare la moglie e i tre bambini. Ed è stato l'uomo a curare tutte le operazioni del trasferimento.

Ciavarello non è figura secondaria ed è personaggio conosciuto alle cronache. A febbraio, è stato implicato in un'operazione nella quale la Guardia di finanza di Caltanissetta ha sequestrato beni per 10 milioni.

Perché Ciavarello e Maria Concetta Riina hanno scelto la cittadina brindisina come nuova residenza? «Qui ci troviamo bene» ha detto la signora negli incontri avuti in questo mese. Dopo essere stata a scuola, la donna si è presentata ai servizi sociali del Comune per chiedere il blocchetto dei buoni pasto per i bambini. Sembra che alla richiesta dell'impiegata della presentazione del documento Isee sulla dichiarazione dei redditi, un consigliere comunale si sia adoperato per evitare l'attesa della signora. Ma i movimenti dei Riina sono rimasti sempre sotto i riflettori della magistratura e in particolare della Direzione nazionale antimafia. Neanche lo spostamento della famiglia della primogenita, discreto e preparato con cura, è passato inosservato. L'allarme del sindaco ha poi contribuito ad alzare ulteriormente l'asticella dell'attenzione. E' ancora viva la memoria di alcune inchieste del passato che hanno messo in luce infiltrazioni criminali. Tutti ricordano la scoperta di un deposito di armi nello stabilimento «Sacovin». La preoccupazione è che la presenza ingombrante di una Riina possa risvegliare antichi demoni e attivare relazioni anche con il territorio e i Comuni circostanti anch'essi permeabili a eventuali rigurgiti della criminalità. Una continua attenzione è esercitata dalla stazione locale dei Carabinieri.

La signora Riina e il marito cercano di farsi vedere in giro lo stretto necessario. Sotto il loro appartamento, c'è un bar. La gente non parla volentieri e non esprime commenti. «Tre giorni fa ho visto la signora entrare nel bar per comprare dei pasticcini» racconta un cliente. Pasticcini da portare a scuola. «È sempre gentile» dice un'insegnante. Anche a Corleone la signora aveva buoni rapporti con la scuola, tanto da essere eletta - era novembre - nel Consiglio d'istituto. La notizia finì sui giornali ed esplose la polemica.

Sembra che anche in passato la figlia del boss abbia avuto a che fare con il Salento. Un anno fa la «Gazzetta» riportò la notizia di un processo a Tricase su una presunta truffa on line, da parte della donna, ai danni di un sacerdote, don Luigi De Santis, attualmente vice parroco a Supersano. I Carabinieri scoprirono che dal conto elettronico di don Luigi erano scomparsi 1.935 euro e pare che sia stata proprio la Riina a sottrarre i soldi. Il processo per furto e frode informatica è ancora in corso. La difesa della donna ha sempre respinto ogni responsabilità nella scomparsa dei soldi. 

www.lagazzettadelmezzogiorno.it


rssfeed
Favoriten Twitter Facebook Myspace Stumbleupon Digg MR. Wong Technorati aol blogger google reddit YahooWebSzenario
 
Altri Articoli :

» NUBIFRAGIO: I DIRIGENTI DEL PD DEL CORLEONESE CHIEDONO L’INTERVENTO DELLE ISTITUZIONI

(Foto di Gino Di Leo)Duramente colpito da un violento nubifragio l'entroterra della provincia di Palermo, in questi giorni, tra il corleonese e i sicani. I paesi più colpiti sono Bisacquino, Campofiorito, Chiusa Sclafani e Corleone.Strade di...

» Smottamento all’ingresso di Corleone

 (Foto di Giuseppe Orlando)Un'altra strada provinciale interrotta in provincia di Palermo. All'ingresso di Corleone nella provinciale 80 uno smottamento di terra ha impegnato per ore i vigili del fuoco e gli uomini della protezione civile. La...

» Corleone Dialogos on line al top: 1510 visite in un giorno

Giorno 25 febbraio 2015 il giornale Corleone Dialogos on line ha superato ancora una volta il record di visite. Infatti, ben 1510 visite in un solo giorno. Ci spiace che tali visite hanno visto come tema quello del nubifragio e non avremmo voluto...

» Corleone: operai ATO in assemblea permanente

Ennesima manifestazione di disagio da parte dei dipendenti ATO che non stanno, da mesi, più lavorando e aspettano che si trovi al più presto una soluzione. Questa mattina hanno deciso di riunirsi in Assemblea Permanente nell'aula consiliare del...

» I bambini corleonesi sono i meno obesi d'Italia

I siciliani sono al secondo posto per obesità in Italia, alla pari con la Puglia e quasi in linea con la Campania. Ma i ragazzini di Corleone battono quelli italiani e sono più magri: il dato arriva dallo screening effettuato nel 2012 dal corso di...

» Corleone: ONE BILLION RISING REVOLUTION

In 207 nazioni nel mondo e in più di 100 città italiane il 14 febbraio 2015 si ballerà per dire basta alla violenza contro le donne e le bambine- Torna per il terzo anno consecutivo ONE BILLION RISING la campagna ideata da Eve Ensler che ha...

» Il ritorno di Carlo

Continua la seria a puntate "i neo assessori di Lea Savona", infatti dopo le dimissioni di Vincenzo Verga al suo posto è ritornato a fare l'assessore Carlo Vintaloro. Il prossimo chi sarà?...

» I campioni siciliani della legalità prima e seconda carica dello Stato

Il 6 gennaio 1980 la mafia uccise a Palermo Piersanti, fratello del neo presidente Sul luogo del delitto quel giorno c'era anche Pietro Grasso, nelle vesti di magistratoEra l'Epifania del 1980. La mattina tragica in cui un «killer sorridente»...

» L'assessore regionale Caruso sarà a Corleone per l'avvio del progetto DRAGO

Nasce D.R.A.G.O: un progetto per la formazione di immigratiVenerdì 30 gennaio, la presentazione a CorleoneCorleone, 28 gennaio 2015. Prenderà il via a Corleone il Progetto D.r.a.g.o. - Developement Resources Agricultural Growth Organic - sostenuto...

» Anche l'assessore Vincenzo Verga si è dimesso

Leggiamo dal profilo facebook che anche il giovane Vincenzo Verga si è dimesso. Ormai non si sa più quanti assessori abbia cambiato il Sindaco Savona.

» Arresti tra Corleone e Villafrati per mafia

Ecco i fermati dell'operazione dei carabinieri a Corleone e in altri comuni: Ciro Badami, detto Franco, 68 anni, nato a Villafrati (PA), residente in via Piersanti Mattarella; Francesco Paolo Scianni, 64 anni, nato a Corleone (PA), residente in via...

» Imu agricola: a Corleone non si pagherà.

Corleone risulta dall'elenco ISTAT comune montano e quindi, in base a quanto deciso dal Governo Renzi, non si pagherà l'IMU agricola.

» Ennesima gaffe della maggioranza di Lea Savona su Agenzia delle Entrate di Corleone

Venerdì sera finalmente il Consiglio Comunale di Corleone, grazie al prelievo del punto all'ordine del giorno chiesto dal segretario del PD di Corleone Salvatore Schillaci, ha esitato la delibera proposta dalla maggioranza Savona per evitare la...

» Cinema: ciak su sindaco Corleone ucciso 100 anni fa

(ANSA) - PALERMO, 8 GEN - Cento anni dopo il cinema racconta la storia di Bernardino Verro, uno dei capi del movimento contadino dei Fasci siciliani di fine Ottocento e primo sindaco socialista di Corleone ucciso nel 1915.

» Trenta scatti d’autore raccontano il silenzio e la pace dei ritiri spirituali

I luoghi della quiete e del silenzio, dove ogni cosa è eterea ed impalpabile perché lontana dal logorio quotidiano. Sono le trenta stampe in bianco e nero di Gabriele Lentini a raccontare la solitudine della vita in convento ed il raccoglimento di...

Aggiungi commento

Hai la possibilità di inserire il commento che esprime la tua opinione. Ci piacerebbe che per correttezza tu firmassi il commento. I commenti anomini saranno eliminati. grazie


Codice di sicurezza
Aggiorna