Iscriviti i alla newsletter








La figlia di Totò Riina lascia Corleone ora vive nel Brindisino PDF Stampa Email
articoli - Corleone
Scritto da Amministratore   
Domenica 22 Aprile 2012 08:33

riinadi Tonio Tondo

San Pancrazio Salentino (BRINDISI) - «Sono Maria Concetta Riina, figlia di Totò Riina, sono venuta a scuola per iscrivere i miei figli». Si è presentata così alle insegnanti della scuola elementare la figlia maggiore del boss di Cosa Nostra, da anni al carcere duro per una serie di ergastoli. Da Corleone, cuore della mafia, a San Pancrazio Salentino: è stata una sorpresa per la cittadina brindisina, poco più di 10mila abitanti, luogo di transito tra le tre province salentine. Una sorpresa che rapidamente si è trasformata in notizia e infine in preoccupazione. E così il giovane sindaco, Salvatore Ripa, da un anno eletto con una giunta di centrosinistra, ha chiesto e ottenuto un incontro con il prefetto di Brindisi Nicola Prete per chiedere informazioni ed esprimere i timori della comunità.

La signora Maria Concetta, 36 anni, è a San Pancrazio da un mese insieme con i suoi tre figli. Ma il primo a giungere in paese è stato il marito, Tony Ciavarello, sembra a novembre, probabilmente per verificare le condizioni dell'accoglienza. Ciavarello avrebbe trovato lavoro nel settore commerciale di un'azienda meccanica, la «C.T.», attiva nel campo della revisione dei motori. È stato lui a trovare l'abitazione, in un condominio di quattro piani al centro del paese, a pochi passi dal Municipio, dove ospitare la moglie e i tre bambini. Ed è stato l'uomo a curare tutte le operazioni del trasferimento.

Ciavarello non è figura secondaria ed è personaggio conosciuto alle cronache. A febbraio, è stato implicato in un'operazione nella quale la Guardia di finanza di Caltanissetta ha sequestrato beni per 10 milioni.

Perché Ciavarello e Maria Concetta Riina hanno scelto la cittadina brindisina come nuova residenza? «Qui ci troviamo bene» ha detto la signora negli incontri avuti in questo mese. Dopo essere stata a scuola, la donna si è presentata ai servizi sociali del Comune per chiedere il blocchetto dei buoni pasto per i bambini. Sembra che alla richiesta dell'impiegata della presentazione del documento Isee sulla dichiarazione dei redditi, un consigliere comunale si sia adoperato per evitare l'attesa della signora. Ma i movimenti dei Riina sono rimasti sempre sotto i riflettori della magistratura e in particolare della Direzione nazionale antimafia. Neanche lo spostamento della famiglia della primogenita, discreto e preparato con cura, è passato inosservato. L'allarme del sindaco ha poi contribuito ad alzare ulteriormente l'asticella dell'attenzione. E' ancora viva la memoria di alcune inchieste del passato che hanno messo in luce infiltrazioni criminali. Tutti ricordano la scoperta di un deposito di armi nello stabilimento «Sacovin». La preoccupazione è che la presenza ingombrante di una Riina possa risvegliare antichi demoni e attivare relazioni anche con il territorio e i Comuni circostanti anch'essi permeabili a eventuali rigurgiti della criminalità. Una continua attenzione è esercitata dalla stazione locale dei Carabinieri.

La signora Riina e il marito cercano di farsi vedere in giro lo stretto necessario. Sotto il loro appartamento, c'è un bar. La gente non parla volentieri e non esprime commenti. «Tre giorni fa ho visto la signora entrare nel bar per comprare dei pasticcini» racconta un cliente. Pasticcini da portare a scuola. «È sempre gentile» dice un'insegnante. Anche a Corleone la signora aveva buoni rapporti con la scuola, tanto da essere eletta - era novembre - nel Consiglio d'istituto. La notizia finì sui giornali ed esplose la polemica.

Sembra che anche in passato la figlia del boss abbia avuto a che fare con il Salento. Un anno fa la «Gazzetta» riportò la notizia di un processo a Tricase su una presunta truffa on line, da parte della donna, ai danni di un sacerdote, don Luigi De Santis, attualmente vice parroco a Supersano. I Carabinieri scoprirono che dal conto elettronico di don Luigi erano scomparsi 1.935 euro e pare che sia stata proprio la Riina a sottrarre i soldi. Il processo per furto e frode informatica è ancora in corso. La difesa della donna ha sempre respinto ogni responsabilità nella scomparsa dei soldi. 

www.lagazzettadelmezzogiorno.it


rssfeed
Favoriten Twitter Facebook Myspace Stumbleupon Digg MR. Wong Technorati aol blogger google reddit YahooWebSzenario
 
Altri Articoli :

» Francesca Benigno (ORA Corleone) rinuncia alla carica di consigliere comunale: non ci sono le condizioni!!!

In seguito alle dimissioni del Consigliere Mario Giarratana si sono susseguite una serie di convocazioni per la surroga dello stesso. Nei giorni scorsi anche il Segretario di ORA Corleone, la dottoressa Francesca Benigno, ha ricevuto l’invito a...

» Open Day: Anche a Corleone mammografie e pap test gratuiti

Mammografie e pap test gratis: torna l'Open Day della prevenzione „Ambulatori aperti ininterrottamente 12 ore per l’"Open Day della prevenzione". Si rinnova giovedì 5 maggio l’appuntamento con gli screening oncologici dell’Asp. In 9...

» A CORLEONE SI PARLA DI GIOVANI ED EUROPA

Avrà luogo giorno 23 aprile a Corleone, presso il Centro multimediale, l’incontro seminariale, presentato dall’associazione studentesca ASU, Lezioni d’Europa. Si discuterà delle misure volte a favorire la mobilità in Europa, come...

» AUTOBUS ANCHE DI DOMENICA PER GLI STUDENTI DEL CORLEONESE

Le associazioni studentesche Asu, FareUniversità e Studenti Universitari, rendono noto che è stato raggiunto l’accordo per l’attivazione del servizio bus, per i comuni di Bisacquino, Campofiorito e Corleone per consentire agli studenti...

» Il cordoglio della Camera del Lavoro di Corleone per la scomparsa del Preside Governali

La Camera del Lavoro, i giovani, i cittadini onesti di Corleone perdono oggi un grande punto di riferimento. Questo era per noi tutti Pino Governali, “Il Preside”. Un punto di riferimento negli anni e per tantissime generazioni. Uomo di...

» Ospedale: Dopo ORA Corleone anche il PD preme per sbloccare i fondi nazionali

Dopo la riapertura del reparto di pediatria è ora di avere certezza sulla data di riapertura della vecchia ala dell’ospedale dei Bianchi di Corleone. Dopo tre anni di proroghe, infatti, è giunto il momento far riprendere a pieno regime un...

» Giuseppe Crapisi (ORA Corleone): Sbloccare i 6 milioni di euro per la terza ala dell’Ospedale!

Lunedì, 7 marzo, il Direttore Generale Antonio Candela è stato a Corleone, con il Direttore Sanitario Loredana Curcurù e con altri dirigenti dell’Asp di Palermo per fare il punto della situazione sull’Ospedale di Corleone e per lanciare un...

» Salvatore Schillaci (PD): soddisfatti ma anche preoccupati per l'Ospedale di Corleone

Il PD di Corleone esprime soddisfazione per la riapertura della pediatria ma non possiamo che esprimere grande preoccupazione per i lavori nella vecchia Ala che ormai si protraggono da piu di tre anni, “ Non e più tollerabile che questi lavori...

» Corleone, potenziamento ospedale: nuove tecnologie in ginecologia

La divisione, che nei primi due mesi dell’anno ha fatto registrare un incremento del 40% dei parti rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, sarà, tra l’altro, dotato sin dai prossimi giorni di: un cardiotocografo wireless, un lettino per...

» Giuseppe Crapisi (ORA Corleone): piena soddisfazione per la ripresa dei ricoveri in Pediatria.

“Esprimiamo piena soddisfazione – afferma Giuseppe Crapisi Presidente di ORA Corleone – per la riapertura dell’attività di ricovero nel reparto di Pediatria di Corleone. Il Direttore Generale Candela, come sempre, è stato solerte nel...

» Il PD di Corleone esprime preoccupazione per la chiusura, anche se temporanea, della pediatria.

“ Ritengo grave ed ingiustificabile che si chiuda un reparto per carenza di personale in un territorio cosi disastrato, non possiamo tollerare che ciò avvenga e pertanto abbiamo già chiesto all’ufficio di gabinetto dell’Assessore Baldo...

» CGIL Funzione Pubblica: Richiesta riapertura ricoveri U.O. di Pediatria di Corleone.

La scrivente O.S., manifesta profonda preoccupazione per l’attuale sospensione dei ricoveri presso U.O. di Pediatria dell’Ospedale “Dei Bianchi” di Corleone. La CGIL non condivide tale decisione che penalizza i cittadini del Corleonese....

» Ribaudo (Pd): “Chiesta l’ immediata riapertura del reparto pediatria dell'ospedale di Corleone

Palermo 1 marzo – "Ritengo sia un fatto grave penalizzare le aree interne della Provincia, ogni qualvolta che si verificano carenze di personale, all'interno dell'asl. Lo scrive in una nota il deputato siciliano del Pd Franco Ribaudo in merito...

» ORA Corleone: Il Presidente Giuseppe Crapisi chiede la riapertura della Pediatria di Corleone.

Siamo venuti a conoscenza che l’Asp di Palermo ha emanato una disposizione di servizio che prevede la chiusura dei ricoveri pediatrici presso l’U.O. Pediatria dell’Ospedale di Corleone fino al 31 marzo 2016. Saranno assicurate le consulenze...

» Mafia e racket, condannati i nuovi boss di Corleone: 12 anni per l'ex impiegato comunale „Mafia e racket, condannati i nuovi boss di Corleone: 12 anni per l'ex impiegato comunale“

Mafia e racket, condannati i nuovi boss di Corleone: 12 anni per l'ex impiegato comunale „Condanne da 8 a 12 anni sono state inflitte dal gup Riccardo Ricciardi a quelli che sono considerati i nuovi boss e picciotti di Corleone. I sei erano finiti...

Aggiungi commento

Hai la possibilità di inserire il commento che esprime la tua opinione. Ci piacerebbe che per correttezza tu firmassi il commento. I commenti anomini saranno eliminati. grazie


Codice di sicurezza
Aggiorna