Iscriviti i alla newsletter








La figlia di Totò Riina lascia Corleone ora vive nel Brindisino PDF Stampa Email
articoli - Corleone
Scritto da Amministratore   
Domenica 22 Aprile 2012 08:33

riinadi Tonio Tondo

San Pancrazio Salentino (BRINDISI) - «Sono Maria Concetta Riina, figlia di Totò Riina, sono venuta a scuola per iscrivere i miei figli». Si è presentata così alle insegnanti della scuola elementare la figlia maggiore del boss di Cosa Nostra, da anni al carcere duro per una serie di ergastoli. Da Corleone, cuore della mafia, a San Pancrazio Salentino: è stata una sorpresa per la cittadina brindisina, poco più di 10mila abitanti, luogo di transito tra le tre province salentine. Una sorpresa che rapidamente si è trasformata in notizia e infine in preoccupazione. E così il giovane sindaco, Salvatore Ripa, da un anno eletto con una giunta di centrosinistra, ha chiesto e ottenuto un incontro con il prefetto di Brindisi Nicola Prete per chiedere informazioni ed esprimere i timori della comunità.

La signora Maria Concetta, 36 anni, è a San Pancrazio da un mese insieme con i suoi tre figli. Ma il primo a giungere in paese è stato il marito, Tony Ciavarello, sembra a novembre, probabilmente per verificare le condizioni dell'accoglienza. Ciavarello avrebbe trovato lavoro nel settore commerciale di un'azienda meccanica, la «C.T.», attiva nel campo della revisione dei motori. È stato lui a trovare l'abitazione, in un condominio di quattro piani al centro del paese, a pochi passi dal Municipio, dove ospitare la moglie e i tre bambini. Ed è stato l'uomo a curare tutte le operazioni del trasferimento.

Ciavarello non è figura secondaria ed è personaggio conosciuto alle cronache. A febbraio, è stato implicato in un'operazione nella quale la Guardia di finanza di Caltanissetta ha sequestrato beni per 10 milioni.

Perché Ciavarello e Maria Concetta Riina hanno scelto la cittadina brindisina come nuova residenza? «Qui ci troviamo bene» ha detto la signora negli incontri avuti in questo mese. Dopo essere stata a scuola, la donna si è presentata ai servizi sociali del Comune per chiedere il blocchetto dei buoni pasto per i bambini. Sembra che alla richiesta dell'impiegata della presentazione del documento Isee sulla dichiarazione dei redditi, un consigliere comunale si sia adoperato per evitare l'attesa della signora. Ma i movimenti dei Riina sono rimasti sempre sotto i riflettori della magistratura e in particolare della Direzione nazionale antimafia. Neanche lo spostamento della famiglia della primogenita, discreto e preparato con cura, è passato inosservato. L'allarme del sindaco ha poi contribuito ad alzare ulteriormente l'asticella dell'attenzione. E' ancora viva la memoria di alcune inchieste del passato che hanno messo in luce infiltrazioni criminali. Tutti ricordano la scoperta di un deposito di armi nello stabilimento «Sacovin». La preoccupazione è che la presenza ingombrante di una Riina possa risvegliare antichi demoni e attivare relazioni anche con il territorio e i Comuni circostanti anch'essi permeabili a eventuali rigurgiti della criminalità. Una continua attenzione è esercitata dalla stazione locale dei Carabinieri.

La signora Riina e il marito cercano di farsi vedere in giro lo stretto necessario. Sotto il loro appartamento, c'è un bar. La gente non parla volentieri e non esprime commenti. «Tre giorni fa ho visto la signora entrare nel bar per comprare dei pasticcini» racconta un cliente. Pasticcini da portare a scuola. «È sempre gentile» dice un'insegnante. Anche a Corleone la signora aveva buoni rapporti con la scuola, tanto da essere eletta - era novembre - nel Consiglio d'istituto. La notizia finì sui giornali ed esplose la polemica.

Sembra che anche in passato la figlia del boss abbia avuto a che fare con il Salento. Un anno fa la «Gazzetta» riportò la notizia di un processo a Tricase su una presunta truffa on line, da parte della donna, ai danni di un sacerdote, don Luigi De Santis, attualmente vice parroco a Supersano. I Carabinieri scoprirono che dal conto elettronico di don Luigi erano scomparsi 1.935 euro e pare che sia stata proprio la Riina a sottrarre i soldi. Il processo per furto e frode informatica è ancora in corso. La difesa della donna ha sempre respinto ogni responsabilità nella scomparsa dei soldi. 

www.lagazzettadelmezzogiorno.it


rssfeed
Favoriten Twitter Facebook Myspace Stumbleupon Digg MR. Wong Technorati aol blogger google reddit YahooWebSzenario
 
Altri Articoli :

» Nasce l'Ospedale riunito Partinico-Corleone

È in arrivo una bufera nella costosa Sanità di Sicilia. Un vento fortissimo che spazzerà via quasi 500 poltrone di primari e assistenti medici in tutti gli ospedali, pubblici e privati convenzionati. I numeri di questa rivoluzione viaggiano in...

» Corleone: Sindaco e Presidente del Consiglio contro dopo l'attentato

CORLEONE – Chiesta dai consiglieri comunali di opposizione lo svolgimento di una riunione del comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica. Giovedì sera, durante la seduta straordinaria del consiglio comunale, il Sindaco Lea Savona,...

» Corleone, bruciato l'escavatore del presidente del Consiglio

Il rogo è stato appiccato tra contrada Chiosi e contrada Pilastro nella proprietà agricola di Stefano Gambino

» Annullato il Rally Conca D'Oro

La crisi stringente ed il conseguente esiguo numero di piloti iscritti, hanno decretato l'annullamento della 34^ edizione del "Rally Conca d'Oro", ultima prova del Trofeo Rally - Terra che avrebbe interessato, il prossimo 24 e 25 ottobre, i comuni...

» Sorpresa Animosa!!! Al Don Rizzo di Alcamo si è disputata la gara del Campionato Giovanissimi Regionali tra l'Adelkam e l'Animosa Corleone.

I padroni di casa in testa alla classifica del girone, pensavano di allungare  la loro scia positiva sfruttando l'incontro tra le mura amiche, con la matricola Animosa Corleone venuta in punta di piedi con la volontà e la speranza di...

» Sanità: Da Corleone l'adesione agli "Stati Generali Comuni dimenticati"!

Siamo stati invitati dal Comitato Regionale Emergenza Sanitaria Toscana ad aderire all’iniziativa “Stati Generali dei Comuni Dimenticati” organizzata dal Comune di Amatrice per sabato 11 ottobre.  L’iniziativa vuole coinvolgere i...

» on Luigi Ciotti è cittadino onorario di San Giuseppe Jato

"Siate orgogliosi di essere jatini". Presente anche il sindaco CapizziSAN GIUSEPPE JATO, 9 ottobre - Si è tenuta stamane nell'aula consiliare di San Giuseppe Jato, la cerimonia di conferimento della cittadinanza onoraria al fondatore di Libera....

» BobbyGol !!! Animosa Corleone - Dattilo Noir= 2 a 0

Nella gara al S. Lucia valevole per il campionato Giovanissimi Regionali, si affrontavano due squadre in cerca di punti con i padroni di casa vogliosi di far bella figura e con la squadra ospite in cerca di punti preziosi  er risalire...

» Corleone: Amianto a cielo aperto

E' giunta in redazione una segnalazione di una discarica in contrada Giaconia.I sacchi sono posti a bordo strada, circondati da un nastro e con la scritta "deposito temporaneo". La legge permette il deposito temporaneo, ma solamente come...

» Rostagno 26 anni dopo: a Trapani la mafia resta storia…normale

Il ricordo del giornalista e sociologo ucciso da Cosa nostra il 26 settembre del 1988, e lo sguardo su una città dove i mammasantissima mandano sempre a ringraziaredi Rino GiacaloneSarò impopolare...ma schietto. Ho atteso un poco per scrivere...

» Ventimila euro per ammazzare un uomo: dalle intercettazioni di "Grande Passo"

Le intercettazioni del blitz antimafia tra Corleone e Palazzo Adriano svelano il piano per organizzare una lupara bianca. I palermitani avevano assoldato uno degli arrestati. Che alla finè si tirò indietro. Meglio "non fare troppo rumore".

» WELCOME TO SICILY! Corleone: da terra di emigrazione a città di accoglienza

27 Settembre 2014File di giovani africani immigrati , con alle spalle le loro storie, ascoltano emozionati i GD del corleonese e gli ospiti della giornata in occasione dell'evento: "Corleone: da terra di emigrazione a città di accoglienza" tenutosi...

» Corleone Dialogos online vola: 1377 visite in un giorno

Ennesimo record di visite battuto in un giorno. Ieri con le notizie degli arresti e dell'emergenza idrica abbiamo avuto ben 1377 visite in un solo giorno. Ne siamo orgogliosi. 

» Il nuovo “pizzo” delle assunzioni Corleone, 5 arresti NOMI-FOTO

Non c'è solo il 'pizzo' da pagare ai boss mafiosi, le nuove forme delle estorsioni, in tempo di crisi, sono le assunzioni imposte dai vertici di Cosa nostra alle imprese. È uno dei retroscena emersi nell'operazione antimafia che all'alba di oggi...

» Mafia: blitz carabinieri a Corleone, 5 i fermi

(AGI) - Palermo, 23 set. - Dall'alba i carabinieri della compagnia di Corleone e del gruppo di Monreale stanno conducendo una vasta operazione antimafia tra i comuni di Corleone e Palazzo Adriano.

Aggiungi commento

Hai la possibilità di inserire il commento che esprime la tua opinione. Ci piacerebbe che per correttezza tu firmassi il commento. I commenti anomini saranno eliminati. grazie


Codice di sicurezza
Aggiorna