Iscriviti i alla newsletter








Dalla Chiesa: "A Corleone più liberi di noi" PDF Stampa Email
articoli - Corleone
Scritto da Amministratore   
Mercoledì 22 Settembre 2010 13:30

Dalla Chiesa

VEDANO OLONA – "Oggi l'Italia si è rovesciata. A Corleone sono più liberi di noi". Ha lanciato anche questa provocazione, Nando Dalla Chiesa, durante l'incontro "Padrini a casa nostra", organizzato ieri sera, 20 settembre, nella sala consiliare di Villa Aliverti a Vedano Olona dalla locale sezione Pd.

Dalla Chiesa ha fatto riferimento alla recente puntata della trasmissione "L'Italia in diretta", in cui si parlava di mafia al nord e in cui veniva mostrata anche una provincia di Varese omertosa, incapace di accorgersi di quello che le sta capitando. E intanto i boss 'ndranghetisti diventano sempre più forti, conquistando aziende, obbligando a pagare il pizzo e scaricando rifiuti tossici nelle cave di fianco a casa nostra.

UN CONO D'OMBRA. ANCHE POLITICO

"C'è sempre stato un cono d'ombra, che ha distolto l'attenzione della gente da quello che faceva la 'ndrangheta in Lombardia. – ha spiegato Dalla Chiesa – Negli anni '70-'80, quando iniziavano i rapimenti per procurarsi i capitali, c'era il terrorismo rosso e nero. Negli anni '90, quando trafficavano droga arricchendosi ulteriormente, c'era la mafia siciliana che faceva le stragi di Stato. Oggi, invece, al centro dell'attenzione ci sono gli immigrati. Ma questo è anche dovuto ad una precisa volontà politica". E non è facile combattere la mafia al nord, dice Dalla Chiesa, anche perché "non siamo abituati, non la riconosciamo. Spesso alcuni imprenditori si rendono complici dei mafiosi perché non si rendono conto della rete a cui si stanno legando. I metodi mafiosi di fare affari sono più convenienti per un imprenditore, perché aggirano le leggi. Smaltire i rifiuti tossici, ad esempio: molto più conveniente pagare qualcuno che li scarichi in una cava piuttosto che affrontare le spese di un vero smaltimento".

300 ARRESTI E NESSUN POLITICO COMMENTA

Eppure segnali evidenti ce ne sono, basti pensare all'operazione "il Crimine", che lo scorso luglio ha mandato in carcere oltre 300 boss 'ndranghetisti, la maggior parte dei quali residenti in Lombardia. Alcuni di loro, anche in provincia di Varese. "Ma non c'è stata una sola reazione politica. Formigoni non ha voluto fare nemmeno una dichiarazione" ha detto a questo proposito Alessandro Alfieri, consigliere regionale Pd presente ieri sera tra gli organizzatori della serata.

LA BATTAGLIA NON E' ANCORA FINITA

Non è stato risparmiato nemmeno il Ministro Maroni: "ha il merito di non ostacolare il lavoro delle procure – ha detto Dalla Chiesa – ma non è lui che fa gli arresti, e dubito che un pm come Ilda Boccassini gli abbia chiesto consiglio. E comunque, quando domenica ha inaugurato un asilo, ricavato da una villa sequestrata ad un mafioso (a Lonate Ceppino, n.d.r.), non ha preso una posizione forte. Non ha usato parole come "non passeranno, li combatteremo per scacciarli". E questa è una colpa imperdonabile, perché la battaglia non è ancora finita".

Chiara Frangi www.varesenotizie.it


rssfeed
Favoriten Twitter Facebook Myspace Stumbleupon Digg MR. Wong Technorati aol blogger google reddit YahooWebSzenario
 
Altri Articoli :

» Francesca Benigno (ORA Corleone) rinuncia alla carica di consigliere comunale: non ci sono le condizioni!!!

In seguito alle dimissioni del Consigliere Mario Giarratana si sono susseguite una serie di convocazioni per la surroga dello stesso. Nei giorni scorsi anche il Segretario di ORA Corleone, la dottoressa Francesca Benigno, ha ricevuto l’invito a...

» Open Day: Anche a Corleone mammografie e pap test gratuiti

Mammografie e pap test gratis: torna l'Open Day della prevenzione „Ambulatori aperti ininterrottamente 12 ore per l’"Open Day della prevenzione". Si rinnova giovedì 5 maggio l’appuntamento con gli screening oncologici dell’Asp. In 9...

» A CORLEONE SI PARLA DI GIOVANI ED EUROPA

Avrà luogo giorno 23 aprile a Corleone, presso il Centro multimediale, l’incontro seminariale, presentato dall’associazione studentesca ASU, Lezioni d’Europa. Si discuterà delle misure volte a favorire la mobilità in Europa, come...

» AUTOBUS ANCHE DI DOMENICA PER GLI STUDENTI DEL CORLEONESE

Le associazioni studentesche Asu, FareUniversità e Studenti Universitari, rendono noto che è stato raggiunto l’accordo per l’attivazione del servizio bus, per i comuni di Bisacquino, Campofiorito e Corleone per consentire agli studenti...

» Il cordoglio della Camera del Lavoro di Corleone per la scomparsa del Preside Governali

La Camera del Lavoro, i giovani, i cittadini onesti di Corleone perdono oggi un grande punto di riferimento. Questo era per noi tutti Pino Governali, “Il Preside”. Un punto di riferimento negli anni e per tantissime generazioni. Uomo di...

» Ospedale: Dopo ORA Corleone anche il PD preme per sbloccare i fondi nazionali

Dopo la riapertura del reparto di pediatria è ora di avere certezza sulla data di riapertura della vecchia ala dell’ospedale dei Bianchi di Corleone. Dopo tre anni di proroghe, infatti, è giunto il momento far riprendere a pieno regime un...

» Giuseppe Crapisi (ORA Corleone): Sbloccare i 6 milioni di euro per la terza ala dell’Ospedale!

Lunedì, 7 marzo, il Direttore Generale Antonio Candela è stato a Corleone, con il Direttore Sanitario Loredana Curcurù e con altri dirigenti dell’Asp di Palermo per fare il punto della situazione sull’Ospedale di Corleone e per lanciare un...

» Salvatore Schillaci (PD): soddisfatti ma anche preoccupati per l'Ospedale di Corleone

Il PD di Corleone esprime soddisfazione per la riapertura della pediatria ma non possiamo che esprimere grande preoccupazione per i lavori nella vecchia Ala che ormai si protraggono da piu di tre anni, “ Non e più tollerabile che questi lavori...

» Corleone, potenziamento ospedale: nuove tecnologie in ginecologia

La divisione, che nei primi due mesi dell’anno ha fatto registrare un incremento del 40% dei parti rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, sarà, tra l’altro, dotato sin dai prossimi giorni di: un cardiotocografo wireless, un lettino per...

» Giuseppe Crapisi (ORA Corleone): piena soddisfazione per la ripresa dei ricoveri in Pediatria.

“Esprimiamo piena soddisfazione – afferma Giuseppe Crapisi Presidente di ORA Corleone – per la riapertura dell’attività di ricovero nel reparto di Pediatria di Corleone. Il Direttore Generale Candela, come sempre, è stato solerte nel...

» Il PD di Corleone esprime preoccupazione per la chiusura, anche se temporanea, della pediatria.

“ Ritengo grave ed ingiustificabile che si chiuda un reparto per carenza di personale in un territorio cosi disastrato, non possiamo tollerare che ciò avvenga e pertanto abbiamo già chiesto all’ufficio di gabinetto dell’Assessore Baldo...

» CGIL Funzione Pubblica: Richiesta riapertura ricoveri U.O. di Pediatria di Corleone.

La scrivente O.S., manifesta profonda preoccupazione per l’attuale sospensione dei ricoveri presso U.O. di Pediatria dell’Ospedale “Dei Bianchi” di Corleone. La CGIL non condivide tale decisione che penalizza i cittadini del Corleonese....

» Ribaudo (Pd): “Chiesta l’ immediata riapertura del reparto pediatria dell'ospedale di Corleone

Palermo 1 marzo – "Ritengo sia un fatto grave penalizzare le aree interne della Provincia, ogni qualvolta che si verificano carenze di personale, all'interno dell'asl. Lo scrive in una nota il deputato siciliano del Pd Franco Ribaudo in merito...

» ORA Corleone: Il Presidente Giuseppe Crapisi chiede la riapertura della Pediatria di Corleone.

Siamo venuti a conoscenza che l’Asp di Palermo ha emanato una disposizione di servizio che prevede la chiusura dei ricoveri pediatrici presso l’U.O. Pediatria dell’Ospedale di Corleone fino al 31 marzo 2016. Saranno assicurate le consulenze...

» Mafia e racket, condannati i nuovi boss di Corleone: 12 anni per l'ex impiegato comunale „Mafia e racket, condannati i nuovi boss di Corleone: 12 anni per l'ex impiegato comunale“

Mafia e racket, condannati i nuovi boss di Corleone: 12 anni per l'ex impiegato comunale „Condanne da 8 a 12 anni sono state inflitte dal gup Riccardo Ricciardi a quelli che sono considerati i nuovi boss e picciotti di Corleone. I sei erano finiti...

Aggiungi commento

Hai la possibilità di inserire il commento che esprime la tua opinione. Ci piacerebbe che per correttezza tu firmassi il commento. I commenti anomini saranno eliminati. grazie


Codice di sicurezza
Aggiorna