Iscriviti i alla newsletter








Dalla Chiesa: "A Corleone più liberi di noi" PDF Stampa Email
articoli - Corleone
Scritto da Amministratore   
Mercoledì 22 Settembre 2010 13:30

Dalla Chiesa

VEDANO OLONA – "Oggi l'Italia si è rovesciata. A Corleone sono più liberi di noi". Ha lanciato anche questa provocazione, Nando Dalla Chiesa, durante l'incontro "Padrini a casa nostra", organizzato ieri sera, 20 settembre, nella sala consiliare di Villa Aliverti a Vedano Olona dalla locale sezione Pd.

Dalla Chiesa ha fatto riferimento alla recente puntata della trasmissione "L'Italia in diretta", in cui si parlava di mafia al nord e in cui veniva mostrata anche una provincia di Varese omertosa, incapace di accorgersi di quello che le sta capitando. E intanto i boss 'ndranghetisti diventano sempre più forti, conquistando aziende, obbligando a pagare il pizzo e scaricando rifiuti tossici nelle cave di fianco a casa nostra.

UN CONO D'OMBRA. ANCHE POLITICO

"C'è sempre stato un cono d'ombra, che ha distolto l'attenzione della gente da quello che faceva la 'ndrangheta in Lombardia. – ha spiegato Dalla Chiesa – Negli anni '70-'80, quando iniziavano i rapimenti per procurarsi i capitali, c'era il terrorismo rosso e nero. Negli anni '90, quando trafficavano droga arricchendosi ulteriormente, c'era la mafia siciliana che faceva le stragi di Stato. Oggi, invece, al centro dell'attenzione ci sono gli immigrati. Ma questo è anche dovuto ad una precisa volontà politica". E non è facile combattere la mafia al nord, dice Dalla Chiesa, anche perché "non siamo abituati, non la riconosciamo. Spesso alcuni imprenditori si rendono complici dei mafiosi perché non si rendono conto della rete a cui si stanno legando. I metodi mafiosi di fare affari sono più convenienti per un imprenditore, perché aggirano le leggi. Smaltire i rifiuti tossici, ad esempio: molto più conveniente pagare qualcuno che li scarichi in una cava piuttosto che affrontare le spese di un vero smaltimento".

300 ARRESTI E NESSUN POLITICO COMMENTA

Eppure segnali evidenti ce ne sono, basti pensare all'operazione "il Crimine", che lo scorso luglio ha mandato in carcere oltre 300 boss 'ndranghetisti, la maggior parte dei quali residenti in Lombardia. Alcuni di loro, anche in provincia di Varese. "Ma non c'è stata una sola reazione politica. Formigoni non ha voluto fare nemmeno una dichiarazione" ha detto a questo proposito Alessandro Alfieri, consigliere regionale Pd presente ieri sera tra gli organizzatori della serata.

LA BATTAGLIA NON E' ANCORA FINITA

Non è stato risparmiato nemmeno il Ministro Maroni: "ha il merito di non ostacolare il lavoro delle procure – ha detto Dalla Chiesa – ma non è lui che fa gli arresti, e dubito che un pm come Ilda Boccassini gli abbia chiesto consiglio. E comunque, quando domenica ha inaugurato un asilo, ricavato da una villa sequestrata ad un mafioso (a Lonate Ceppino, n.d.r.), non ha preso una posizione forte. Non ha usato parole come "non passeranno, li combatteremo per scacciarli". E questa è una colpa imperdonabile, perché la battaglia non è ancora finita".

Chiara Frangi www.varesenotizie.it


rssfeed
Favoriten Twitter Facebook Myspace Stumbleupon Digg MR. Wong Technorati aol blogger google reddit YahooWebSzenario
 
Altri Articoli :

» Corleone, l'aula respinge la sfiducia al Sindaco

Artciolo del Giornale di Sicilia. Corleone*** Non passa la mozione di sfiducia al sindaco di Corleone, Leoluchina Savona, proposta dai tre schieramenti dell’opposizione: solo nove i voti favorevoli rispetto ai tredici richiesti dalla normativa....

» Corleone, mozione di sfiducia al sindaco non passa per il quorum

 La maggioranza dei consiglieri comunali di Corleone ha votato sì alla mozione di sfiducia nei confronti del sindaco Lea Savona. Ma non è stato raggiunto il quorum. Servivano infatti i due terzi del totale dei componenti. Dei 20 consiglieri...

» ORA Corleone: Sindaco, assessori e consiglieri per il bene della Città dimettetevi!

Chiediamo al Sindaco Savona, agli assessori in carica e ai venti consiglieri comunali di fare un passo indietro, presentando le dimissioni, per il bene della città. Solo ricominciando da zero, potremo provare a evitare il peggio e potremo ridare...

» Caso Corleone approda in Antimafia Ars Caso Corleone approda in Antimafia Ars

(ANSA) - PALERMO, 19 GEN - Approda in Antimafia regionale il 'caso Corleone'. Domani la commissione, guidata da Nello Musumeci, ascolterà in audizione il sindaco Leoluchina Savona.L'iniziativa a pochi giorni dall'annuncio da parte del ministro...

» Mafia, ispettori del ministero dell'Interno al Comune di Corleone

Mafia, ispettori del ministero dell'Interno al Comune di Corleone „Lo ha annunciato il ministro Angelino Alfano incontrando i giornalisti dopo la riunione, a Palermo, con i prefetti della Sicilia. Il titolare del Viminale ha precisato che...

» Corleone: Epifania all'insegna di buona musica live

(Foto di Carmelo Mazzaglia) Questo è stato il risultato dell'evento che si è tenuto al centro multimediale di Corleone, un grande successo che ha coinvolto egregiamente centinaia di persone.

» 12 Gennaio 2016: la Chiesa venera San Bernardo da Corleone

Il 12 Gennaio il calendario ricorda San Bernardo da Corleone, al secolo Filippo Latino, nato a Corleone nel 1605.Definito "la prima spada di Sicilia", si dice di lui che era un giovanottone riottoso, robusto e di grande appetito – a cui "ribolle...

» PD Corleone: l’On. Ribaudo incontra la sezione distaccata del Corpo Forestale in merito alla chiusura dell’ufficio.

Il Partito Democratico questa mattina ha organizzato un incontro tra il commissario, gli ispettori del Corpo Forestale e l'On. Franco Ribaudo per evitare la chiusura dell'ufficio di Corleone.A tale incontro erano presenti: il Segretario del PD...

» Verro cognome come brand

I cognomi come brand: Verro, Scoma, Torrisi, D'Antoni (di Francesco Miranda)Verro(come Bernardino Verro, sindaco di Corleone assassinato dalla mafia)Verro, Verri, Verre e derivati: Verrina, Verrinio, Verrini sono tutte forme cognominali derivati dal...

» Quei due assegni a Salvuccio Riina, così la mafia aiutava il figlio del boss

PADOVA C'è una regola mafiosa che non tramonta mai: finché un affiliato si trova in carcere, è Cosa Nostra che si occupa dei suoi familiari. Vale per tutti. Perfino per il terzogenito di Totò Riina, almeno stando al provvedimento con il quale i...

» Premio Rosa Balistreri: vincono i Tamburi di San Bernardo di Corleone

Il 3 dicembre 2015, presso il teatro Grifeo a Petralia Sottana, è stato consegnato il premio Rosa Balistreri e Alberto Favara. La commissione del Premio  composta da Pino Apprendi, Mario Azzolini e presieduta dal Maestro Mario Modestini, ha...

» Corleone: Corso operatore Full BLSD

» La battaglia di Corleone (e del Pd) per la legalità

Che a Corleone le cose non andassero per il verso giusto dal punto della legalità è sotto gli occhi di tutti, da tempo. A togliere ogni dubbio ci sono però i risultati dell'operazione "Grande passo 3″, in cui 6 persone sono state arrestate. I 6...

» Quando nel 2013 furono tagliate le gomme all'ex assessore Schiro

Palermotoday, 14 Febbraio 2013Intimidazione all'assessore dei Lavori pubblici di Corleone Ciro Schirò. Le gomme della sua auto sono state tagliate da ignoti mentre la vettura era posteggiata sotto la casa di Schirò, a pochi passi da piazza Nascé....

» "Messina Denaro non può essere il capo" Corleone "contesta" la leadership

PALERMO - “Me lo spiegava quello, dice, questo Messina Denaro non può essere mai il capo”. A mettere in dubbio la leadership di Matteo Messina Denaro sull'intera cosa nostra erano Antonino Di Marco e Francesco Paolo Scianni. Il primo...

Aggiungi commento

Hai la possibilità di inserire il commento che esprime la tua opinione. Ci piacerebbe che per correttezza tu firmassi il commento. I commenti anomini saranno eliminati. grazie


Codice di sicurezza
Aggiorna