Iscriviti i alla newsletter








Dalla Chiesa: "A Corleone più liberi di noi" PDF Stampa Email
articoli - Corleone
Scritto da Amministratore   
Mercoledì 22 Settembre 2010 13:30

Dalla Chiesa

VEDANO OLONA – "Oggi l'Italia si è rovesciata. A Corleone sono più liberi di noi". Ha lanciato anche questa provocazione, Nando Dalla Chiesa, durante l'incontro "Padrini a casa nostra", organizzato ieri sera, 20 settembre, nella sala consiliare di Villa Aliverti a Vedano Olona dalla locale sezione Pd.

Dalla Chiesa ha fatto riferimento alla recente puntata della trasmissione "L'Italia in diretta", in cui si parlava di mafia al nord e in cui veniva mostrata anche una provincia di Varese omertosa, incapace di accorgersi di quello che le sta capitando. E intanto i boss 'ndranghetisti diventano sempre più forti, conquistando aziende, obbligando a pagare il pizzo e scaricando rifiuti tossici nelle cave di fianco a casa nostra.

UN CONO D'OMBRA. ANCHE POLITICO

"C'è sempre stato un cono d'ombra, che ha distolto l'attenzione della gente da quello che faceva la 'ndrangheta in Lombardia. – ha spiegato Dalla Chiesa – Negli anni '70-'80, quando iniziavano i rapimenti per procurarsi i capitali, c'era il terrorismo rosso e nero. Negli anni '90, quando trafficavano droga arricchendosi ulteriormente, c'era la mafia siciliana che faceva le stragi di Stato. Oggi, invece, al centro dell'attenzione ci sono gli immigrati. Ma questo è anche dovuto ad una precisa volontà politica". E non è facile combattere la mafia al nord, dice Dalla Chiesa, anche perché "non siamo abituati, non la riconosciamo. Spesso alcuni imprenditori si rendono complici dei mafiosi perché non si rendono conto della rete a cui si stanno legando. I metodi mafiosi di fare affari sono più convenienti per un imprenditore, perché aggirano le leggi. Smaltire i rifiuti tossici, ad esempio: molto più conveniente pagare qualcuno che li scarichi in una cava piuttosto che affrontare le spese di un vero smaltimento".

300 ARRESTI E NESSUN POLITICO COMMENTA

Eppure segnali evidenti ce ne sono, basti pensare all'operazione "il Crimine", che lo scorso luglio ha mandato in carcere oltre 300 boss 'ndranghetisti, la maggior parte dei quali residenti in Lombardia. Alcuni di loro, anche in provincia di Varese. "Ma non c'è stata una sola reazione politica. Formigoni non ha voluto fare nemmeno una dichiarazione" ha detto a questo proposito Alessandro Alfieri, consigliere regionale Pd presente ieri sera tra gli organizzatori della serata.

LA BATTAGLIA NON E' ANCORA FINITA

Non è stato risparmiato nemmeno il Ministro Maroni: "ha il merito di non ostacolare il lavoro delle procure – ha detto Dalla Chiesa – ma non è lui che fa gli arresti, e dubito che un pm come Ilda Boccassini gli abbia chiesto consiglio. E comunque, quando domenica ha inaugurato un asilo, ricavato da una villa sequestrata ad un mafioso (a Lonate Ceppino, n.d.r.), non ha preso una posizione forte. Non ha usato parole come "non passeranno, li combatteremo per scacciarli". E questa è una colpa imperdonabile, perché la battaglia non è ancora finita".

Chiara Frangi www.varesenotizie.it


rssfeed
Favoriten Twitter Facebook Myspace Stumbleupon Digg MR. Wong Technorati aol blogger google reddit YahooWebSzenario
 
Altri Articoli :

» Polo Zafferano a Corleone e dintorni.

Perché non fare il salto? Perché restare nel recinto di un piccolo cortile? Ci siamo chiesti. Perché non mettere insieme tante piccole energie e farne una bella grande: UN POLO dello zafferano nel territorio del corleonese. Un piccolo sguardo...

» Corleone, il Comitato Pro Ospedale: "Nessun impegno sulla chirurgia"

Dal Giornale di Sicilia del 20/08/2015Corleone*** Il comitato non abbasserà la guardia sulle rassicurazioni dell'ASP, rilasciate dal direttore sanitario Giuseppe Noto a margine della conferenza dei sindaci, e rilancia sulle preoccupazioni relative...

» Corleone: il Comitato Pro Ospedale ha incontrato l’Azienda Sanitaria.

Il Comitato Pro Ospedale di Corleone ha incontrato, martedì 18 agosto 2015, il Direttore Sanitario dell'ASP Giuseppe Noto a margine della Conferenza dei Sindaci che si è tenuta presso l'aula consiliare del Comune di Corleone. Alcuni giorni fa, il...

» Verbale Comitato Pro Ospedale del 10/08/2015

Lunedi 10 agosto 2015, alle ore 18:30, presso l'aula consiliare del Comune di Corleone, si è riunito il Comitato Pro Ospedale.Il rappresentante del Comitato Giuseppe Crapisi ha chiesto al vice presidente di ORA Corleone Nicola Bilello di redigere...

» Cosmo Di Carlo un grande cronista

E' venuto a mancare, a causa di una malattina, il cronista "Cosmo Di Carlo" e Corleone Dialogos si unisce al dolore.

» Il Comitato Pro Ospedale di Corleone coinvolgerà i Sindaci del territorio.

Il Comitato Pro Ospedale ha chiesto formalmente al direttore Generale dell'ASP Candela Antonino Candela di poter avere un incontro in merito all'adeguamento del punto nascita, come previsto dal ministero, allo stato dei lavori di ristrutturazione...

» Verbale Comitato Pro Ospedale del 22 luglio 2015

Mercoledì 22 luglio 2015, alle ore 18:30, presso l'aula consiliare del Comune di Corleone, si è riunito il Comitato Pro Ospedale.Il rappresentante del Comitato Giuseppe Crapisi ha chiesto al vice presidente di ORA Corleone Nicola Bilello di...

» Corleone, bilancio 2013 bocciato: troppe spese

Sono nove i rilievi che la Corte dei Conti ha mosso al Comune di Corleone con la deliberazione volta ad accertare la regolarità finanziaria del rendiconto 2013. Nonostante i chiarimenti richiesti, la Sezione di controllo ha riscontrato il...

» Mafia: riforma beni confiscati, entro l'estate in Aula

(ANSA) - ROMA - Serve al più presto la riforma della normativa che riguarda i beni sequestrati e confiscati, in continuo aumento in tutta Italia: 40 mila in totale (tra beni mobili, immobili e aziende) secondo alcuni dati, quasi 12 mila (solo i...

» Un Corleonese al BARBER MATCH di Roma

A Roma il 1° Giugno 2015 si è svolta la prima gara del "Barber Match". Essa consiste in una sfida tra barbieri di tutta Italia in tre categorie: barba con massaggio, hair tatto e taglio con sfumature hold school.Partecipare a questa manifestazione...

» Zone Franche Montane: il corleonese si mobilita.

Dopo l'appello lanciato da Giuseppe Crapisi Presidente di ORA Corleone, e membro dell'assemblea regionale del PD, sull'assenza del corleonese nel disegno di legge che istituisce le zone franche montane, il territorio si sta mobilitando. Ad oggi sono...

» Il boss Leoluca Bagarella deve lasciare il carcere di Badu 'e Carros

NUORO. Leoluca Bagarella  deve essere trasfrito dal carcere di Badu 'e Carros in un altro carcere dove la struttura riservata ai detenuti con il duro regime del 41 bis sia vivibile. Questo in sintesi il parere dei giudici...

» A Corleone un convegno sull’efficienza energetica nel pubblico e nel privato.

Martedì 26 maggio 2015 nei locali del CIDMA si terrà un convegno sul tema "Città sostenibili be riqualificazione energetica degli edifici pubblici e privati" organizzato da ORA Corleone con Legambiente Sicilia in collaborazione con l'ordine degli...

» Questione Ato Palermo 2, ancora una fumata nera, ma martedì si potrebbe "chiudere"

SAN GIUSEPPE JATO, 22 maggio – La fumata al momento è nera. La speranza, però, è l'ultima a morire, anche se, inutile negarlo, la questione del passaggio dei lavoratori dell'Ato Palermo 2 alla società di scopo "Belice Impianti srl" è legata...

» I dirigenti del PD del corleonese si attivano per le Zone Franche Montane

L'aula entro la fine del mese di Giugno sarà chiamata ad esprimersi in merito al DDL sulle zone franche montane, proposta sottoscritta da diversi esponenti della deputazione regionale in modo trasversale, che lascia fuori in maniera incomprensibile...

Aggiungi commento

Hai la possibilità di inserire il commento che esprime la tua opinione. Ci piacerebbe che per correttezza tu firmassi il commento. I commenti anomini saranno eliminati. grazie


Codice di sicurezza
Aggiorna