Iscriviti i alla newsletter








Coppa America a Trapani: la sentenza del gup, reati prescritti per imprenditori e funzionari pubblici ma le malefatte ci sono PDF Stampa Email
articoli - Attualità
Scritto da Rino Giacalone   
Mercoledì 11 Aprile 2012 09:42

coppa america trapaniE' di questi giorni la notizia che dopo quasi sei anni di fermo sono ripartiti a Trapani i lavori (40 milioni di euro di appalto pubblico) per la costruzione di quelle banchine che nel 2005, in occasione delle gare preliminari della Coppa America, dovevano servire a fare attraccare le navi da crociera usate come alberghi galleggianti. I lavori non furono completati per tempo e quando, finita la Coppa America, quel cantiere riaprì i battenti, ci fu l'intervento della magistratura perché quei lavori stavano proseguendo con una deroga che non aveva più valore.

Nel periodo di esecuzione dei lavori al porto per prepararlo ad accogliere le barche a vela di quello che fu definito "il grande evento" (tanto da meritare a tamburo battente la intitolazione di una strada dell'area portuale proprio denominata via del grande evento), la presidenza del Consiglio dei Ministri nell'affidare ogni incombenza alla Protezione Civile – targata Bertolaso – (modello poi seguito per la Maddalena che doveva ospitare il summit dei leader mondiali trasferito poi a L'Aquila) determinò che i lavori potevano svolgersi nelle more dell'acquisizione dei nulla osta. Ovvio che finito il "grande evento" quella deroga non aveva più ragione di esistere per cui la prosecuzione dei lavori delle nuove banchine non poteva esserci senza tutti i nulla osta. Nel caso specifico mancava la valutazione di impatto ambientale. Da qui l'intervento della magistratura ed i sigilli al cantiere. L'istruttoria riguardò anche il presunto smaltimento di residui di lavorazione altamente inquinanti. Raccolte le prove la magistratura in pochi mesi restituì il cantiere dissequestrato all'ente portuale. Sull'intervento della magistratura ci fu un vero e proprio apriti cielo. Una sorta di lesa maestà. Alla magistratura si è continuato ad addossare colpe sulla mancata ripresa dei lavori. Pochi sono stati disponibili a notare che il sequestro è durato pochi mesi, nel 2006 il cantiere era tornato disponibile e se i lavori non sono ripresi è perché i nulla osta non è stato facile concederli. Adesso i lavori si sono sbloccati nello stesso tempo il processo avviato per gli abusi e le irregolarità commesse si è concluso dinanzi al gup di Trapani (giudice Lucia Fontana) con una sentenza che ha dichiarato in parte prescritti i reati per alcuni imputati e altri imputati sono stati assolti del tutto. Circostanza questa che a qualcuno ha fatto scrivere, criticamente rispetto all'operato della magistratura, "tanto rumore per nulla". Nella sentenza le cui motivazioni adesso sono state depositate il giudice Fontana, il giudice quindi, nemmeno il pm, critica la osservazione: "la conclusione (dibattimentale ndr) non consente in considerazione del contenuto degli atti di indagine di affermare con shakespeariana ed in conferente citazione "molto rumore per nulla". Dagli atti infatti emergono una pluralità di vicende di indubbio rilievo penale...".

Lungo l'elenco dei reati, quasi tutti di violazione delle norme della tutela ambientale. Nodo del contendere è una collinetta di rifiuti (terre da scavo) che ancora oggi è possibile vedere alzando lo sguardo verso la parte del porto dove c'è questo cantiere. Secondo la Procura lo smaltimento di questa terra stava avvenendo fuori da ogni regola, terre usate per realizzare una colmata a Marsala o addirittura portate in discariche di Rsu, trattandosi invece di terre provenienti anche da escavazioni marine, e i fondali del porto di Trapani fino a poco tempo addietro raccoglievano gli sbocchi fognari della città, per cui certamente non erano poco inquinate. Le difese degli imputati hanno sempre eccepito la non pericolosità, il gup Fontana invece non ha dubbi: "i materiali provenienti dai lavori erano rifiuti speciali e non assimilabili alle terre di scavo, taluni risultano rifiuti speciali pericolosi...i lavori non comportavano esclusivamente lo scavo di terre emerse ma anche ingenti lavori di dragaggio". E sulla esecuzione dei lavori: "...venivano condotte senza le autorizzazioni delle autorità preposte alla tutela del vincolo paesaggistico e in assenza della necessaria concessione demaniale". Tanto rumore per nulla? Certamente si tratta di una affermazione infondata. Il processo ha messo in evidenza l'assenza dei controlli, ma anche questa parte processuale si è conclusa con pronunce di prescrizione, i reati però anche in questo caso ci sono e non sono di poco conto. Tra le cose che vengono fuori vi è per esempio la circostanza che il riempimento per una banchina portata invece a compimento è stato fatto usando "rifiuti contenenti sostanze pericolose" perché si trattava di residui provenienti dai dragaggi finiti dentro i cassoni di cemento usati per formare la banchina. Oggi al porto di Trapani c'è una banchina, quella di Isolella, usata per gli approdi commerciali (e che in occasione della Coppa America del 2005 ospitò il quartiere generale dei team in gara) nel cui sottosuolo vi sono rifiuti pericolosi., rifiuti altamente tossici. Un'altra parte di rifiuti finirono addirittura nalla discarica di Rsu di contrada Borranea di proprietà del Comune di Trapani. Ed è come se nessuno ha colpa di queste gravissime violazioni sebbene il pronunciamento del giudice sia parecchio pesante nel giudizio di questi comportamenti. Azione sanzionatoria, si ripete, fermata solo dallo scattare della prescrizione. 2più che un doloso preventivo allestimento organizzativo volto alla gestione abusiva di un ingente quantità di rifiuti, emerge dagli atti – si legge nella sentenza del gup Fontana – la estemporanea ancorchè spregiudicata ricerca di una soluzione al problema della collocazione dell'ingente materiale di risulta proveniente dal cantiere portuale...come se questo fosse un aspetto marginale". Il processo dinanzi al gup si è concluso con la pronuncia di prescrizione per imprenditori e funzionari dell'ente portuale ed assoluzioni piene per alcuni degli imprenditori coinvolti nei lavori. Il cantiere adesso ha riaperto i battenti con un problema da risolvere. Quello che il tempo trascorso ha corroso il ferro usato, anche se in un verbale uno degli imprenditori che ha deciso di svelare il sistema degli appalti pilotati in combutta con la mafia a Trapani (e quelli per la Coppa America rientrano in questo elenco di appalti controllati sebbene organi di vigilanza erano istituzioni come la Prefettura, il Comune di Trapani e l'Autorità Portuale), ha raccontato che in quel cantiere era stato portato del ferro di non proprio ottima qualità. E anche in questo caso nessuno ha visto.


rssfeed
Favoriten Twitter Facebook Myspace Stumbleupon Digg MR. Wong Technorati aol blogger google reddit YahooWebSzenario
 
Altri Articoli :

» Il senatore D’Alì prescritto e assolto. Il “caso” resta aperto

Anni di indagini, procedimenti archiviati, riaperti e ricondotti sulla soglia dell’archiviazione. Improvvise svolte nelle inchieste, un processo lungo due anni e infine la sentenza. Il senatore Antonio D’Alì, politico e banchiere trapanese, ex...

» Processo D'Alì

L'ex capo della Squadra Mobile di Trapani, Giuseppe Linares non era solo una ossessione dei mafiosi che addirittura negli anni '90 avevano anche pensato di eliminarlo. Era l'ossessione di un politico, il senatore pidiellino Antonio D'Alì, che a...

» La vacanza? La faccio anti-mafia

L'atterraggio all'aeroporto di Trapani-Birgi, la partenza verso la casa "Nido delle Rondini" di Triscina di Selinunte, la cittadina del parco archeologico a due passi da Castelvetrano, patria del super latitante di mafia Matteo Messina Denaro. Da...

» "La verità non è tra i segreti di Stato"

Processo per il delitto di Mauro Rostagno, deposizione (inutile) a porte chiuse di due 007. Chitati nuovi testi e spunta la sede di Gladio a Trapani nell'appartamento di un imprenditore amico dei mafiosi Udienza a porte chiuse. I servizi...

» Rostagno, "una camurria per la mafia"

Le ultime due udienze del processo in corso a Trapani per il delitto del sociologo e giornalista. Niente colpi di scena, la difesa degli imputati mafiosi arranca sulla pista delle armiSubito una premessa, a scanso di equivoci. Storicamente il...

» Trapani, le “grandi opere” insicure e la convivenza con la mafia

Ventidue agosto 2001, nello scenario della Versiliana, a Marina di Pietrasanta, provincia di Lucca, sul palcoscenico della famosa rassegna d'arte e letteratura, l'allora ministro delle Infrastrutture, Pietro Lunardi esordisce: « La mafia e la...

» "Colpo" da 30 milioni contro la borghesia mafiosa

Polizia e Finanza da poco hanno appena finito di eseguire tra Trapani, Roma, Milano, Gorizia e Pordenone un sequestro "preventivo" di beni per 30 milioni di euro. Gli agenti di Polizia della Divisione Anticrimine della Questura e Finanzieri del...

» Barbara, Salvatore e Giuseppe che mai siano morti invano "Non ti scordar di me" ad Erice con la Carovana Antimafia ed i Modena City Ramblers. Dedichiamo una via al ricordo del 2 aprile 1985

Il prossimo 2 aprile segnerà il 28° anniversario della strage mafiosa di Pizzolungo che causò la morte di Barbara Rizzo Asta e dei suoi due figli, i gemellini Salvatore e Giuseppe di 6 anni. Sarà il momento per rinnovare la vicinanza,...

» FP-CGIL di Trapani – Il Regno dove il "potere" non tramonta mai!

Il richiamo alla vocazione assolutistica del RE SOLE non è un caso... è quella stessa vocazione che magistralmente interpretata dal Segretario Generale Nicola Del Serro si sposa con una condotta non curante delle regole dello statuto, quelle...

» Trapani: Iniziativa cittadinanza onoraria Prefetto Sodano

Si rende nota e pubblica un'iniziativa che si è deciso di portare avanti in merito alla richiesta della cittadinanza onoraria trapanese al nostro amato Prefetto Sodano. Dopo 3 mesi di silenzio da parte del Sindaco e di tutta l'amministrazione...

» Processo Rostagno:ancora un testimone che non si presenta

Ancora un testimone che non si presenta, ancora una udienza che salta, e spinge in avanti la conclusione di questo lungo, ma anche tormentato, dibattimento, che giunge alla 44esima udienza, a due anni dall'avvio. Si tratta del processo per il...

» Trapani: il Pd caccia un chiacchierato, e adesso dia il seggio ad una "vittima" della mafia

Provincia di Trapani in subbuglio. Si fa qui tanto parlare di politici collusi o comunque fortemente compromessi, sono in tanti a stracciarsi le vesti per chiedere una politica pulita, e quando qualcosa avviene proprio verso questa direzione che...

» Gli uomini di Matteo Messina Denaro I carabinieri smantellano un clan che appoggiava le strategie mafiose del latitante belicino. In manette anche un consigliere provinciale Pdl

Ad un anno esatto dall'ultimo blitz antimafia nel Belice i carabinieri del comando provinciale di Trapani e quelli del Ros sono tornati a colpire le cosche mafiose più vicine al super latitante Matteo Messina Denaro. Ed è stato un colpo inferto...

» Mafia trapanese, una doppia confisca da 45 milioni

Colpo su colpo le casseforti di Cosa nostra trapanese cadono sotto la mannaia dell'azione giudiziaria, severa e inflessibile. Formidabili le indagini della Dia di Trapani, ancora di più martellante l'azione del pm Andrea Tarondo, che ancora una...

» Mafia: un sequestro di beni da 5 milioni colpisce uno del clan Messina Denaro

Un sequestro di beni per 5 milioni di euro che costituisce l'ennesimo colpo contro la cassaforte riconducibile al super boss latitante Matteo Messina Denaro, indiscusso boss di Castelvetrano e oggi a capo delle famiglie di Cosa nostra tra le...

Aggiungi commento

Hai la possibilità di inserire il commento che esprime la tua opinione. Ci piacerebbe che per correttezza tu firmassi il commento. I commenti anomini saranno eliminati. grazie


Codice di sicurezza
Aggiorna