Iscriviti i alla newsletter








La legge 109/96 sul riutilizzo sociale dei beni confiscati compie 150 anni PDF Stampa Email
articoli - Antimafia&mafia
Scritto da Amministratore   
Lunedì 07 Marzo 2011 18:34

beni confiscati

Prendiamoci bene: e' cosa nostra! i beni confiscati aprono le porte iniziativa di libera in occasione del quindicesimo anniversario dal 7 marzo una settimana di manifestazioni, visite guidate sui beni confiscati con la partecipazione di scuole, ragazzi, associazioni, scout .Don luigi ciotti:" dopo 15 anni il bilancio è certo positivo, anche se rimangono delle criticità. ora estendere uso sociale ai reati dei corrotti"

Il 7 marzo 1996 la legge 109 sul riutilizzo sociale dei beni confiscati alle organizzazioni criminali entrava in vigore e segnava una svolta epocale nel contrasto alle mafie nel nostro Paese. Un successo per lo Stato, per la rete di Libera e per tutti i cittadini che avevano sostenuto con un milione di firme la petizione popolare a sostegno della proposta di legge. Il 7 marzo 2011 ricorrono 15 anni dall'entrata in vigore della legge sul riutilizzo sociale dei beni confiscati, 15 anni nel corso dei quali centinaia di ettari di terreni, ville, appartamenti e altri beni immobili si sono trasformati in cooperative sociali, sedi di associazioni, comunità di accoglienza, centri culturali, grazie all'impegno di Istituzioni, Enti Locali e della società responsabile. Nell'occasione Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie, organizzerà a partire da lunedì 7 marzo una settimana di visite guidate ed iniziative sui beni confiscati alle mafie con la partecipazione di studenti, scuole, cittadini, associazione, scout, parrocchie... L'iniziativa dal titolo Prendiamoci bene: è Cosa Nostra! Giornata di apertura dei beni confiscati alle mafie, si inscrive nell'ambito del concorso Regoliamoci 2010-11, promosso con il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca e in collaborazione con l'Agenzia Nazionale per l'amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata.

"Quindici anni dopo -ha commentato Don Luigi Ciotti, presidente di Libera- il bilancio è certo positivo, anche se rimangono delle criticità. Non sempre è stato facile dare applicazione alla legge, che sul piano operativo ha scontato una serie di debolezze, ostacoli burocratici e ritardi. Ma tanto è stato comunque fatto. Numerosi e concreti i percorsi di giustizia, i diritti costruiti grazie alla 109: dagli edifici trasformati in scuole, caserme, centri per anziani, alle cooperative che sui terreni confiscati danno lavoro a tanti giovani e mobilitano tutte le forze sane dei territori. I prodotti a marchio "Libera Terra", col loro gusto di legalità e responsabilità, arrivano nelle case e sulle tavole di moltissimi italiani. E sono oggi forse il simbolo più visibile di questa riscossa, di questa svolta, questo contrasto alle mafie collettivo, "dal basso", che si alimenta di un lavoro tenace e silenzioso in ogni parte d'Italia, e della collaborazione di tante realtà: istituzioni, scuole, volontariato, mondo della cooperazione, dei sindacati, dell'imprenditoria. Nell'ultimo periodo, abbiamo avuto anche la soddisfazione di veder nascere l'"Agenzia nazionale per i beni confiscati", come auspicavamo da anni. Uno strumento che speriamo contribuisca a potenziare l'efficacia e il valore economico, culturale, sociale ma soprattutto etico di questi percorsi. Molto resta da fare. A partire dall'estensione dell'uso sociale ai reati di corruzione. Ma questa -ha concluso Don Luigi Ciotti- è storia di oggi: storia della campagna "Corrotti", circa ottocentomila cartoline raccolte che consegneremo al Presidente Napolitano, una storia che ha ancora bisogno di noi, del "noi", dell'impegno di tutti, nessuno escluso.

 

Coordinamento di Libera Palermo

Tanti gli appuntamenti dell'iniziativa di Libera per celebrare il quindicesimo anniversario. In Calabria ad Isola di Capo Rizzuto con visita alla palazzina confiscata in zona Le Cannella dove sarà realizzato un centro che ospiterà colonie estive. In Campania a San Cipriano d'Aversa: nella villa confiscata a Pasquale Spierto dei "Casalesi", affidata a Cooperativa Agropoli Onlus, che oggi ospita un centro sociale per ragazzi e una comunità alloggio per pazienti psichiatrici. Nel Lazio a Roma presso la Casa del Jazz, una villa con il suo parco confiscati alla Banda della Magliana trasformati in auditorium e mediateca, sale di registrazione e foresteria per musicisti. In Lombardia a Milano, presso Spazio Cangiari, gestito dal consorzio Goel, una boutique del "Lusso Etico Sociale ed Ecologico", allestita in un immobile confiscato alla 'ndrangheta in viale Monte Santo. In Liguria a Genova sarà aperto alla cittadinanza e alle associazioni locali un basso confiscato in Vico Mele. In Piemonte a Torino il PerformingMediaLab, gestito dall'associazione Teatron e Acmos, in un bene confiscato in via Salgari. In Puglia a Torchiarolo appuntamento nella villa confiscata a Tonino Screti, il "cassiere" della Sacra Corona Unita, oggi gestita dalla Cooperativa Terre di Puglia – Libera Terra, che vi realizza iniziative didattiche e formative. In Sicilia a Trapani, i ragazzi delle scuole visiteranno la Cooperativa Calcestruzzi Ericina a Trapani, confiscata a Vincenzo Virga.


rssfeed
Favoriten Twitter Facebook Myspace Stumbleupon Digg MR. Wong Technorati aol blogger google reddit YahooWebSzenario
 
Altri Articoli :

» Polizzi Generosa: 10 MARZO 2014 66° ANNIVERSARIO DEL SACRIFICIO DI PLACIDO RIZZOTTO

***programmalunedì 10 marzo 2014ore 9,30 - Feudo VerbumcaudoCerimonia di consegna del vigneto "Placido Rizzotto"ore 10,30 – Aula Consiliare – Polizzi GenerosaSeminario "Germogli di Speranza"

» Coprì la latitanza di Bernardo Provenzano Confisca per 15 milioni ad anziano di Corleone

Avrebbe coperto la latitanza del boss Bernardo Provenzano. Con questa accusa la guardia di finanza ha confiscato beni per circa 15 milioni di euro a Bernardo Riina, 75enne di Corleone, in esecuzione di un provvedimento emesso dalla sezione Misure di...

» Mafia: Parlamento europeo, ok direttiva su confisca beni

(ANSA) - BRUXELLES, 25 FEB - Disco verde del Parlamento europeo alla direttiva che prevede la confisca di beni provento di reato. La norma è passata con 631 voti favorevoli, 19 contrari e 25 astensioni. L'accordo dovrebbe essere formalmente...

» Agenzia nazionale beni confiscati, una nota della Cgil -

Diego Cammarata (nella foto), ex sindaco pidiellino di Palermo fino all'inizio dello scorso anno e attualmente docente di diritto in una scuola superiore, è stato nominato direttore dell'Agenzia nazionale per la gestione dei bei sequestrati e...

» “Agenzia beni confiscati diventi Ente pubblico”

"Il primo passo per raggiungere gli obiettivi prefissati dovrebbe essere la trasformazione dell'agenzia in un vero e proprio ente pubblico economico". E' la posizione del prefetto Giuseppe Caruso, direttore dell'agenzia nazionale dei beni...

» Studiare all’università le strategie di contrasto alle mafie

Fornire contenuti, strumenti e risorse utili per comprendere i fenomeni di criminalità mafiosa, le loro attività, l'impatto sul tessuto economico e sociale e per individuare le strategie di intervento più efficaci per promuovere percorsi di...

» I beni confiscati alle mafie contro la crisi

L'Italia è in crisi economica. La parola d'ordine, adesso, è spending review. Nel frattempo i capitali fuggono via e si riducono prestiti per aziende e privati. E' lecito chiedersi, allora, se oltre all'austerità ed il rigore non si debbano...

» Erice: CRITICITA´ E BUONE PRASSI DELLE AZIENDE CONFISCATE ALLA MAFIA

Sabato 15 dicembre, alle ore 10, nel Comune di Erice (TP) si terrà la quarta tappa del ciclo itinerante di conferenze "Nei luoghi della legalità ritrovata: percorsi virtuosi e criticità della lotta alla mafia sul territorio", un progetto di...

» Le cooperative antimafia: una vera opportunità per i giovani/FOTO

» UNIVERSITÀ NAPOLI - MASTER SU CRIMINALITÀ ORGANIZZATA E USO SOCIALE BENI CONFISCATI

È indetto, per l'anno accademico 2012/2013, il concorso pubblico, per titoli, a numero 50 posti per l'ammissione al corso di Master di II livello in "Analisi dei fenomeni di criminalità organizzata e strategie di riutilizzo sociale dei beni...

» Trapani: l’imprenditore del capo mafia Sequestro di beni da 25 milioni di euro e un giro di appalti nelle mani di Matteo Messina Denaro

Ancora un duro colpo inferto all'organizzazione mafiosa capeggiata dal super latitante Matteo Messina Denaro. Un'altra "cassaforte" sottratta al controllo di Cosa nostra e che lo Stato ha posto sotto la sua gestione. Un nuovo capitolo di indagini...

» Mafia: Il giudice Livatino rivive nelle braccia dei giovani di Libera Terra.

Nel nostro animo siciliano è impressa la citazione del Gattopardo, di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, “cambiare tutto per non cambiare nulla”. Eppure a volte, se ci pensassimo bene, alcuni processi di cambiamento sono in atto. Ne ho avuto, ancora...

» MAFIA: AL VIA 'SUMMER SCHOOL' LIBERA SU BENI CONFISCATI

Ha preso il via a Naro, in provincia di Agrigento, la "Summer School" dell'Associazione Libera, che si concluderàil 21 settembre, mirata alla formazione dei giovani sul fronte dell'imprenditoria e dell'innovazione attraverso l'utilizzo dei beni...

» Una legge per la democrazia Il 416 bis e la confisca dei beni ai mafiosi, trent'anni di lotta alle mafie nel nostro Paese

(Liberainformazione) Trent'anni fa, il 13 settembre 1982, veniva approvata la legge n. 646, nota come "legge Rognoni – La Torre", che introdusse per la prima volta nel codice penale la previsione del delitto di associazione a delinquere di tipo...

» Appello di 12 associazioni: salvare beni confiscati alla mafia

Dodici associazioni scrivono alla ministra Cancellieri: una cabina di regia per valorizzare e gestire il patrimonio. L'idea è quella di costituire un organismo in grado di fornire competenze all'amministrazione.

Aggiungi commento

Hai la possibilità di inserire il commento che esprime la tua opinione. Ci piacerebbe che per correttezza tu firmassi il commento. I commenti anomini saranno eliminati. grazie


Codice di sicurezza
Aggiorna