sabato 28 ottobre 2017

Corleone: regole per i video dopo la prova dell'auto con l'incaprettato

La proposta fatta ai Commissari, nella pagine di Corleone Dialogos, a firma di Giuseppe Crapisi ha preso forma con l'approvazione del Regolamento comunale per le riprese fotografiche, cinematografiche e video. Di seguito l'articolo uscito oggi su "La Repubblica" con la dichiarazione proprio di Giuseppe Crapisi:

Le riprese nel territorio di Corleone devono essere autorizzate. Lo ha deciso la commissione straordinaria che amministra il comune del Palermitano, sciolto per mafia, dopo il caso del video di un magazine francese che riprendeva un uomo incaprettato nel bagagliaio di una automobile. “Con l’approvazione del regolamento – si legge in una nota dei commissari – l'Ente si vuole dotare di uno strumento per perseguire la massima tutela dell’immagine di Corleone anche attraverso una verifica incisiva delle riprese effettuate nel territorio comunale da assoggettare a preventiva autorizzazione del Comune, sanzionandone gli abusi per il non corretto utilizzo”. Non servirà l'ok del comune per le riprese eseguite “ai soli fini personali e dilettantistici e quelle nell'esercizio del diritto di cronaca”, queste “sono gratuite e non soggette ad autorizzazione”. Leggi tutto

Nessun commento: