sabato 1 luglio 2017

Coop. Lavoro e non solo: Ieri bruciati anche 10 ettari di terreni confiscati

Ieri tra il caldo eccezionale e il vento africano sono andati in fumo 500 ettari di terreno nella zona tra Torre dei Fiori e il Santuario di Tagliavia. "Io non credo all'autocombustione. Dare fuoco ai terreni dopo ferragosto può essere una scelta per fertilizzare i terreni, - dichiara Maurizio Pascucci Presidente dell'Associazione Fior Di Corleone - ma farlo il 30 di giugno è una volontà palese di rovinare i raccolti". La richiesta che fa l'associazione dei produttori alle forze dell'ordine è di indagare per trovare i colpevoli e fa un'appello a chi sa di denunciare. 
Tanto lavoro di tanti agricoltori andati in fumo a causa dell'incendio, un danno economico per il territorio non indifferente. Il fuoco non ha risparmiato 10 ettari di terreno, confiscati alla mafia, gestiti dalla Cooperativa di Corleone "Lavoro e non solo".
Il Presidente Calogero Parisi in uno sfogo sui social ha scritto amareggiato: "Si dice che mangiare lenticchie a capodanno porta fortuna e soldi. Ieri, nostro malgrado, abbiamo scoperto che le lenticchie a giugno invece portano sfortuna e fanno perdere soldi. Circa € 23.000,00 di mancate entrate dalla vendita del raccolto di lenticchie di Torre dei fiori".

Giuseppe Crapisi

Nessun commento: