mercoledì 14 giugno 2017

Sanità, anche a Corleone turni massacranti. Comunicato dei sindacati

Le condizioni di lavoro continuano a peggiorare in tutta l’azienda, dagli ospedali ai distretti, dai dipartimenti sanitari a quelli amministrativi. Gli adempimenti crescono, si accumulano mentre il personale continua a diminuire. In molti reparti ospedalieri ( Corleone, Termini e Partinico ) per consentire la fruizione delle ferie residue, sono comparsi turni che prevedono  12 ore (dalle 8,00 alle 20,00)  consecutive per singolo operatore. L’ospedale Ingrassia non è da meno.  Si accorpano reparti. Crescono i rischi. Diminuisce l’efficienza e l’efficacia. Il disagio fra i lavoratori è molto forte. Servono risposte concrete. Servono assunzioni, anche a tempo determinato, in primo luogo, per i profili professionali del comparto. Circolano invece voci di assunzioni di dirigenti amministrativi. Sarebbe paradossale.  Serve “ l’esercito  e non certo i  generali”. Sarebbe paradossale, mentre ritarda la stabilizzazione dei contrattisti anche per i posti già disponibili in Azienda.

In tema di dirigenti amministrativi si provveda piuttosto al conferimento degli incarichi ancora da attribuire come più volte sollecitato con ripetute note, nonché al pagamento dell'adeguamento dell'indennità per i direttori delle UOC del coordinamento amministrativo degli ospedali riuniti come da accordo sottoscritto tra le OO.SS.e la Direzione Generale.

IL 17 maggio scorso , in occasione del confronto sulla rete ospedaliera,  CGIL CISL Uil hanno   presentato la piattaforma rivendicativa con i punti  da affrontare e su cui realizzare una  intesa.

Li richiamiamo ancora una volta:

Superamento dei forti ritardi nel pagamento del saldo produttività 2015 e rispetto della scadenza di Luglio per il saldo 2016;

Aumento del buono pasto a 7 euro;

Passaggio di fascia 2017 in sintonia con gli accordi stipulati fin qui in Azienda;

Istituzione nuovi coordinamenti, attribuzione funzioni e corretta utilizzazione di quelli esistenti;

Salario accessorio legato alle condizioni di lavoro (turni, indennità festiva, sala operatoria etc) nel rispetto del regolamento sull’orario di lavoro;

Definizione percorsi di stabilizzazione personale contrattista;

Contrattazione risorse per la istituzione delle posizioni organizzative.

        CGIL CISL UIL continuano ad auspicare una netta inversione di tendenza nelle relazioni sindacali all’ASP di Palermo.  Un confronto vero, serrato, che non dia spazio alla demagogia e ai venditori di fumo e faccia avanzare le soluzioni migliori.  CGIL CISL UIL  attendono da  settimane  una convocazione che non arriva. Non possiamo più aspettare,  sarebbe irresponsabile stare a guardare. In assenza di convocazione, ci autoconvocheremo il  28 giugno 2017  alle ore 10   nella sede dell’azienda in via Cusmano a Palermo. Se

tale iniziativa non riuscirà a sbloccare la situazione e  a portare le risposte che servono,  decideremo,  con i lavoratori, le ulteriori  iniziative di mobilitazioni da promuovere.

Palermo lì  13/06/2017                                                       F.to

                                                                                      

                                 CGIL                                                           CISL                                                                                 UIL

        ( M. Scialabba)                                  ( G. Mazzola)                                                            ( G. Amato)

Nessun commento: