sabato 20 maggio 2017

Ospedale di Corleone: il Direttore Candela avvia l'iter per la riattivazione dell'endoscopia digestiva

Questa mattina il Sottosegretario alla Salute Faraone, insieme al Direttore Generale Candela e al Direttore Sanitario dell'Asp Volo, ha incontrato il Comitato Pro Ospedale, gli amministratori del territorio, e gli operatori sanitari.
In merito all'ambulanza di Bisacquino ha chiarito che si tratta di una bufala. 
Ancora una volta il Direttore Candela ha risposto al territorio, come richiesto dal Comitato Pro Ospedale, dimostrando la volontà dell'azienda di riattivare il servizio di endoscopia digestiva con il Dottor Tomasello. Attendiamo invece che il Sottosegretario Faraone dia riscontri sullo sblocco dei fondi ex art. 20, che permetterebbero di completare la terza ala dell'Ospedale, e sul ripristino dell'Unità Operativa Complessa di Chirurgia. Rimaniamo comunque soddisfatti dei risultati già ottenuti direttamente con l'Asp in sede di Conferenza dei Sindaci.
Positive notizie sembrerebbero esserci per i contrattisti, infatti si sta avviando un percorso di stabilizzazione dopo anni di precarietà.

Giuseppe Crapisi


Le nostre richieste presentate oggi:


Il Piano della Rete Ospedaliera elaborata dall’Assessorato Regionale alla Salute ha previsto per l’Ospedale dei Bianchi l’eliminazione della Pediatria, una Chirurgia senza l’Unità Operativa Complessa e con posti letto in "day surgery” (attività chirurgica programmata in regime di ricovero limitato alle sole ore del giorno e, al limite, con un solo pernottamento).
Grazie al confronto con l’Azienda Sanitaria di Palermo siamo riusciti a risolvere il 90 % delle problematiche sollevate: riattivazione del reparto di Pediatria, che assume la forma organizzativa di Unità Operativa Semplice Dipartimentale, e una Chirurgia con Unità Operativa Semplice Dipartimentale con posti ordinari.

Al Sottosegretario alla Salute Davide Faraone

Chiediamo:

1.    Di intervenire affinchè si ripristini la UOC di Chirurgia;
2.    Delucidazioni in merito all’ambulanza di Bisacquino che da fonti giornalistiche sembrerebbe soppressa.
3.    Lo sblocco dei fondi ex articolo 20 che permetterebbe il completamento della terza ala dell’Ospedale.


Al Direttore Generale Antonino Candela

Visto che dal 26 marzo, a causa della scadenza della convenzione con il Policlinico di Palermo, non abbiamo più il servizio di endoscopia digestiva;
Visto che è un servizio che abbiamo rivendicato per anni e che permette di alzare gli indici di produttività della Chirurgia;
Visto che l’Azienda ha acquistato la dotazione strumentale;
Visto che con un solo accesso settimanale, in poco più di un anno, si sono fatte 179 endoscopie il che dimostra l’utilità del servizio;

Chiediamo:


·         La riattivazione, in tempi brevissimi, del servizio di endoscopia digestiva con una convenzione Pluriennale con l’Università di Palermo o attraverso altre soluzioni interne all’azienda. Il servizio dovrebbe esser reso ancora più accessibile attraverso la prenotabilità tramite CUP.

Infine, abbiamo notizie che l’Assessorato Regionale alla Salute stia richiedendo alle aziende sanitarie la riconferma o meno degli investimenti sull’edilizia sanitaria.


Chiediamo:


Se l’Azienda ha già risposto positivamente all’Assessorato in merito ai poco più di 6 milioni di euro che riguardano la terza ala dell’Ospedale di Corleone.


Nessun commento: