giovedì 18 marzo 2010

STRAGI MAFIA: PROCURATORE FIRENZE, "INDAGHIAMO CON TESTA DURA"

(AGI) - Firenze, 17 mar. - La Procura di Firenze ha continuato a indagare, andando avanti con la "testa dura", sulle stragi di mafia degli anni Novanta. Lo ha detto il procuratore capo di Firenze, Giuseppe Quattrocchi, incontrando la stampa per illustrare l'operazione che ha portato all'esecuzione di una misura di custodia cautelare a carico di Francesco Tagliavia, individuato come coautore delle stragi di mafia e gia' condannato all'ergastolo per l'eccidio di via D'Amelio. "Siamo molto soddisfatti di questo ulteriore passaggio che significa quanto sia produttivo avere la testa dura e continuare a indagare su cose che hanno la loro eta'. E' dovuto per rispetto al giuramento di fedelta' che abbiamo prestato allo Stato", ha detto Quattrocchi. "Noi andiamo continuamente cercando tutto quello che puo' servire a individuare tutte le responsabilita' di questi orribili delitti. Se domani dovesse emergere qualcosa che getta luce su personaggi e fatti rimasti nell'ombra, avremo tutto il tempo per farlo: questi sono delitti a prescrizione difficile", ha risposto Quattrocchi ai giornalisti che chiedevamo come procedessero le indagini su esecutori e mandanti delle stragi di mafia. (AGI) Cli/Fi/Dos

Nessun commento: