sabato 19 settembre 2009

Palazzo Adriano: 13ENNE STUPRATA DA BRANCO: LIBERI 3 MINORI

(AGI) - Palerrmo, 19 set. - Il tribunale del riesame per i minorenni di Palermo ha rimesso in liberta' i tre diciassettenni coinvolti nella presunta violenza di gruppo ai danni di una ragazzina di 13 anni con un leggero handicap, avvenuta il 16 agosto scorso durante la festa del Crocifisso a Palazzo Adriano (Palermo). Secondo il collegio presieduto da Flora Randazzo, relatore Antonio Napoli, non ci sono indizi sufficienti a carico di Domenico C., Giuseppe V. e Giuseppe S., fermati il 2 settembre scorso su ordine della Procura dei minori, assieme a un diciottenne, Carmelo V., la cui posizione e' tuttora al vaglio della magistratura ordinaria di Termini Imerese e che e' rimasto in carcere. Sono state le indagini difensive, svolte dall'avvocato Vincenzo Lo Re, a ingenerare nel tribunale minorile una serie di dubbi: i tre diciassettenni hanno infatti tutti un alibi e a questo si aggiungono una serie di discrepanze nel racconto della vittima della violenza, riguardo soprattutto alla difficolta' di individuare il posto in cui la tredicenne sarebbe stata sottoposta agli abusi; lei ha parlato infatti del campo sportivo, ma da li' vennero sparati i fuochi di artificio per la festa e l'intera zona circostante era inaccessibile. A questo si aggiungono i dubbi espressi dalle ginecologhe del presidio medico di Corleone, che visitarono la ragazzina e che non trovarono segni compatibili con quanto da lei raccontato ("Mi hanno tenuta per le braccia e per le mani, mi hanno fatto male tenendomi con la schiena per terra"). La vittima aveva parlato anche di un'amichetta romana che giocava con lei e che sarebbe riuscita a sfuggire al branco: la difesa ha individuato le uniche due famiglie romane che si trovavano in vacanza a Palazzo Adriano e i testimoni sentiti non hanno confermato questa versione. Le indagini dei carabinieri di Corleone dovranno cosi' riprendere dall'inizio.

Nessun commento: