domenica 11 gennaio 2009

Il filo di un aquilone


Tutto era poesia un tempo!

Noi eravamo immersi

nella battaglia della vita

al cospetto degli dei.

Oggi sto in un prato alla marina

con la gente comune

la mia

il colore della pelle muta

lo sguardo è simile.

Affido alle palme nane

la mia resistenza.

Una brezza leggera

purifica la mente.

Un aquilone colorato

sfugge di mano,

il filo appartiene quelli che calpestano

l'erba di un prato

con il mare alle spalle

la domenica mattina

che si allungano al sole libero.



Antonia Arcuri

Nessun commento: