giovedì 4 settembre 2008

A Ficuzza 26 anni dopo il Generale Dalla Chiesa è nuovamente con noi


Un uomo da non dimenticare! A distanza di 26 anni dal suo assassinio, Martedì 2 Settembre 2008, ci siamo ritrovati a Ficuzza per ricordare il Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, ucciso il 3 settembre 1982 insieme alla moglie Emanuela Setti Carraro per mano mafiosa. Perché proprio Ficuzza? Perché lì il Generale C. A. Dalla Chiesa venne per ricordare un altro uomo che faceva parte dell’arma dei carabinieri , il Colonnello Giuseppe Russo, anch’esso ucciso dalla mafia. Dopo aver visto un breve filmato, realizzato dall’Arma dei Carabinieri di Corleone, che sintetizzava brevemente la vita del Generale, il suo ardore nel combattere la mafia e ricordava alla fine tutte le vittime della mafia, abbiamo visto un servizio della Rai, datato 20 agosto 1982, che ci mostrava l’ultimo discorso pubblico tenuto appunto dal Generale Dalla Chiesa per ricordare il Colonnello Russo. Dopo la visione del video, a moderare l’incontro l’ex Sindaco di Corleone Pippo Cipriani che tanto affatto per il nostro paese anche nella lotta alla mafia. Cipriani ha sottolineato l’importanza della memoria e del ricordo di questi uomini; ha ricordato le minacce subite quando si decise di intitolare la piazza principale di Corleone ai giudici Falcone e Borsellino; ha sottolineato anche l’importanza di non togliere l’intitolazione dell’aeroporto di Comiso all’On. Pio La Torre e ancora l’importanza dell’intitolazione di quella piazza dove ci trovavamo al Colonnello Russo. Successivamente Cipriani ha dato la parola al Sindaco del Comune di Corleone, Antonino Iannazzo, che è sembrato come volesse dargli il testimone, ha sottolineato l’importanza di una nuova normativa sull’iter che va dal sequestro all’assegnazione dei beni confiscati alla mafia. A dare la sua testimonianza sul Generale Dalla Chiesa, il Segretario della Camera del Lavoro di Corleone, Dino Paternostro, che ha ricordato l’attività svolta dal generale, allora Capitano dell’Arma dei Carabinieri di Corleone, sull’assassinio del Sindacalista Placido Rizzotto, e del suo rapporto sulla vicenda donato il 10 marzo 2006 dall’Arma dei Carabinieri alla Camera del Lavoro di Corleone. Hanno dato il loro saluto anche Vincenzo Morgante caporedattore del TGR Sicilia, Presidente della Cooperativa Lavoro e non solo Calogero Parisi anche a nome di tutti i volontari toscani che erano presenti alla manifestazione e per concludere l’On. Giuseppe Lumia che ha parlato dell’ultima normativa approvata che distingue la pericolosità del mafioso dalla pericolosità del bene confiscato. Ha anche auspicato un intervento decisivo da parte del governo sulla lotta alla mafia. La manifestazione è stata organizzata nell’ambito del progetto Liberarci dalle spine. Una serata davvero molto intensa commovente che ci deve far riflettere sull’operato di questo uomo che tanto ha fatto per la nostra Sicilia, che tanto aveva nel cuore e che avrebbe voluto libera da ogni forma di criminalità. Grazie Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa. Non dimenticheremo mai il tuo impegno per la nostra Sicilia!!!

Maria Concetta Giannone

Nessun commento: