lunedì 5 maggio 2008

Nicolosi si è dimesso da Presidente del CIDMA

Circa un anno fa l’ex Sindaco Nicolò Nicolosi in un’intervista rilasciataci sul cartaceo ci disse che nel caso in cui avrebbe perso il ricorso contro il Sindaco Iannazzo si sarebbe dimesso da Presidente del CIDMA. Bene oltre al ricorso ha aspettato anche i deludenti risultati elettorali ma alla fine ha deciso nei giorni scorsi di rassegnare le proprie dimissioni. Adesso cosa succederà? Succederà che si dovrà riunire l’assemblea dei soci e nominare la nuova compagine amministrativa del CIDMA. Insomma potrebbe cambiare ben poco. Oppure se prendono atto del fallimento della loro mission in questi ultimi cinque anni allora si potrebbero riaprire davvero nuovi scenari per il centro. Infatti, tra i soci di questa associazione vi sono rappresentanti di associazioni fatti entrare dopo la sconfitta elettorale di Nicolosi che ben poco c’entravano con quello che il centro dovrebbe svolgere. Concordiamo con il Sindaco Iannazzo che in un’intervista rilasciata su Telejato ha detto che per il momento non ha alcun interesse, finchè non rientreranno le associazioni fondatrici e le Istituzioni che ne facevano parte. Perché in questo momento non ci sono le condizioni per poter avere alcun tipo di rapporto. Anche noi crediamo che per il CIDMA si debbano spostare le lancette dell’orologio a quando fu pensato da Pippo Cipriani e fu coinvolta Libera, alcuni centri importanti, l’Università di Palermo ecc… Bisognerà modificare lo Statuto del centro e, insieme alle associazioni del territorio che si occupano di temi che sono in sintonia con il centro, ripartire con quello che è la sua finalità: centro di studi internazionale sulle mafie e sull’antimafia.

1 commento:

Leoluca Criscione ha detto...

Per esattezza (storica), il CIDMA (che nelle intenzioni degli ideatori dovrebbe chiamarsi semplicemente, CNM= Centro No Mafia, inglese. Center No MAFIA), é stato realizzato sulla base di una idea-proposta dei Corleonesi nel Mondo (Möhlin, Svizzera, Incontro con Pippo Cipriani, Rosa LAbruzzo e Gaetano Gagliano, Maggio 1995).

A Pippo Cipriani e alla Sua Giunta, che allora avevano iniziato una lungimirante politica d'avvicinamneto ai Corleonesi emigrati, va il grandissimo merito di averla fatta propria e realizzata.

C'é d'augurarsi, che con l'uscita di scena dell'attuale presidente, il CIDMA diventi veramente un CNM.

Mi auguro, altresi', che la giunta Iannazzo, receda, allo stato attuale, dall'idea di voler fondare un secondo CIDMA o CNM o Centro legalità, che chiamar si voglia.

A Corleone ne basta uno solo, ma all'altezza del compito.
Leoluca Criscione, Svizzera