domenica 20 gennaio 2008

Sindaco Iannazzo, bisogna iniziare a progettare!


Proprio un anno fa eravamo alla vigilia della dura campagna elettorale per la conquista del Comune di Corleone e noi con il nostro Dialogos cartaceo, mentre nessuno ne parlava, abbiamo fatto una prima pagina “Ecco alcune nostre proposte”, che rappresentavano alcune nostre idee programmatiche per spingere alla discussione e che servissero per inserirle nei programmi elettorali dei candidati. Idee da poter essere poi portate avanti dalla neo amministrazione comunale che avrebbe ottenuto il consenso dei cittadini. A distanza di un anno crediamo che sia giusto valutare l’amministrazione Iannazzo rispetto a quelle nostre idee programmatiche e rispetto ad alcune ultime proposte fatte attraverso il sito. I punti cardini di quell’articolo erano tre e tutti riguardanti lo sviluppo economico: agricoltura, infrastrutture e turismo.

· Agricoltura: vista la crisi ormai decennale del settore si chiedeva l’apertura di uno sportello per l’agricoltura, per l’assistenza e come punto informativo per i bandi regionali, nazionali ed europei messi a disposizione per lo sviluppo e per l’ammodernamento delle aziende agricole. Lo sportello doveva anche avere il compito di svolgere una funzione formativa attraverso la promozione di corsi, convegni e stage aziendali. Si chiedeva un interesse da parte dell’amministrazione comunale per puntare insieme alle aziende per il riconoscimento dei nostri prodotti attraverso marchi di qualità. Si chiedeva anche la promozione dei nostri prodotti sui mercati nazionali e internazionali. Poi si chiedeva un impegno per il caseificio. In quell’articolo avevamo buttato una proposta quasi assurda, ma forse non lo era così tanto. Cioè prendere atto dell’impossibilità di avviare un caseificio e puntare alla trasformazione della struttura, ad es. creando un’azienda che trasformi il pomodoro. Infine si chiedeva di far partire il mercato ortofrutticolo, puntando alla riconversione delle colture nelle campagne in collaborazione con l’IPA e con le associazioni di categoria. Bene sull’agricoltura non abbiamo visto nessun intervento in queste direzioni.

· Infrastrutture: si chiedeva un impegno per sollecitare il governo nazionale per l’ammodernamento della SS 118, salvaguardando la riserva del bosco della Ficuzza, e la Provincia per il rifacimento della Corleone-San Cipirello. Se sulla seconda c’è stata una presa di posizione del Consiglio Comunale sulla prima non si sa più nulla, ma possiamo dire che sia il governo di centro-sinistra e sia la provincia di centro-destra hanno in comune un intento comune e cioè lasciare Corleone isolata. Forse lo fanno par condicio? Si chiedeva un impegno per il completamento dell’Ospedale e per Sant’Agostino, bene l’ospedale è stato completato e consegnato e a Sant’Agostino i lavori procedono. Mentre nessun intervento sull’ex Ospedale dei Bianchi eppure c’era stato un bando finanziato dall’Unione Europea. Si chiedevano anche alcuni interventi per la villa comunale, affidando l’incarico a qualche architetto di ripensarla architettonicamente e oggi direi bisognerebbe progettare un sistema di videosorveglianza, perché la villa è ormai da anni in stato di degrado dovuto a scarsi interventi e lasciata nelle mani di alcuni incivili corleonesi che hanno commesso ripetuti atti vandalici. Così villa al buio perché le luci sono state distrutte, panchine divelte ecc…. Poi proponevamo la progettazione di una piscina coperta e di un canile comunale. In questo caso va bene per le cose positive che abbiamo detto, ma molte cose rimangono da fare.

· Turismo: si chiedeva di puntare sulla riqualificazione e sulla salvaguardia del centrostorico attraverso interventi pubblici di finanziamento per ristrutturare gli immobili. In particolare investendo sugli immobili di particolare pregio architettonico e per coloro i quali vogliono destinare le proprie case in Bed and Breakfast. Si chiedeva uno sportello turistico e una maggiore attenzione nei servizi della città. Infine puntare su Ficuzza. Ebbene di questi punti si è avuto solo una risposta in termini di sportello turistico ma per il resto nulla.

Con il nostro sito poi in questi ultimi mesi abbiamo proposto, anzi riproposto, un'idea del dott. Leoluca Criscione, di realizzare una rete tra Corleone e i corleonesi nel mondo attraverso un assessorato o uno sportello. Ma anche in questo caso sembra che l’amministrazione sia sorda. Noi crediamo che l'amministrazione Iannazzo se valutata rispetto a questi punti prende un voto decisamente insufficiente, ma bisogna considerare che su quest’amministrazione sta pesando tantissimo il ricorso elettorale e quindi in questo breve anno si è puntato ad amministrare e non a progettare. Certamente siamo consapevoli che questi punti da noi proposti non sono la ricetta per fare decollare Corleone, ma sono dei punti che possono portare ad un progetto di sviluppo economico da portare avanti insieme con altri progetti. L'amministrazione si è dimostrata attenta alle nostre proposte in quest’anno e quindi riproponiamo a distanza di un anno queste nostre idee affinché oggi siano prese in considerazioni. Ovvero noi ce l'auguriamo. Cioè critica si, ma costruttiva, alla fine quello che deve essere l’interesse comune è che si mettano in campo e idee per migliorare le condizioni della nostra città. Adesso Sindaco aspettiamo risposte!

Giuseppe Crapisi

9 commenti:

Stranistranieri ha detto...

La giunta comunale di Corleone da quali forze politiche è guidata? E se non c'è un impegno serio sullo sviluppo dell'agricoltura,(che sembra essere uno dei punti di forza del territorio)dove si investono le energie?

Daniela Tani

Redazione Dialogos ha detto...

L'amministrazione è di centro-destra, in verità questa amministrazione in questo anno ha amministrato ma non ha progettato. Secondo me come ho già scritto ciò è dovuto al fatto che pesa molto il ricorso al TAR. Ricorso voluto dall'ex Sindaco Nicolosi che ha perso per tre soli voti. Un Comune ha risorse limitate e quindi è l'intera classe politica che ha delle colpe. Vedi l'esempio della viabilità, le colpe vanno dal governo nazionale a quello provinciale. Spirito dell'articolo è quello di fare proposte e non di critica fine a se stessa. Ciao Dani spero di essere stato chiaro.

Giuseppe Crapisi

hogan08 ha detto...

...in questo articolo manca solo la firma di "qualche" consigliere di opposizione....
....putroppo cari "dialoganti" da sempre vi distinguete per il fatto di fare solo critiche...nn penso costruttive come dite voi...anzi il più delle volte distruttive...ma oltre a proporre si dovrebbe avere anche la forza di mettersi a lavorare assieme agli altri per cercare di costruire qualcosa di positivo per il nostro paese...
...cari ragazzi è molto comodo starsene a scrivere e criticare tutto e tutti non pensando che il fare politica o l'amministrare un paese non sia cosi semplice come sporcare d'inchiostro quattro paginette di un giornalino locale...
....comunque alle vostre proposte manca solo l'apertura di un aereostazione, di una metropolitana, il collegamento autostradale direttamente con Malpensa e cosi via...
...senza rancore..
ps: se nel vostro "piano di lavoro"???, è prevista la somministrazione di sondaggi, almeno sforzatevi di farli in maniera decente sia nella forma che nel contenuto, in poche parole "ma chi vuliti riri?"...è normale che un'amministrazione "debba" progettare...che poi abbia iniziato o no quella è la storia di un altro sondaggio..

Redazione Dialogos ha detto...

Se è davvero così semplice come dice lei sporcare l'inchiostro di un giornale locale non capisco come mai per lei è difficile anche firmare una critica. Almeno noi dialoganti come ci definisce abbiamo il coraggio di mettere la faccia e ci prendiamo le nostre responsabilità su quello che scriviamo. Avevamo detto che non avremmo pubblicato commenti anonimi, ma crediamo che nel merito il suo commento è interessante e lo ringraziamo ma sarà l'ultimo commento anonimo in questo sito. Sulla questione della firma dei consiglieri di opposizione è una questione infondata perchè noi non facciamo ne opposizione ne siamo maggioranza. Abbiamo criticato il centro-sinistra come il centro-destra. Abbiamo intervistato Iannazzo, Nicolosi, Paternostro ecc... Certo l'informazione serve per controllare il potere e non certo per dire solo le cose che vanno bene. Ma quando le cose si sono fatte l'abbiamo detto: protocollo dalla chiesa, Consulta Giovanile, Laboratorio della legalità, assegnazione beni confiscati ecc... Non abbiamo scheletri nell'armadio ne tessere partitiche questo è sicuro. Poi che noi abbiamo fatto critiche costruttive lo dimostrano due fatti. L'approvazione della Consulta Giovanile che a giorni inizierà a costituirsi e che abbiamo proposto noi e che è stata approvata dal Consiglio Comunale, portata in aula dall'amministrazione Comunale, e poi il Laboratorio della Legalità criticato da noi e che il Sindaco ha modificato recependo le nostre proposte, anche questo a giorni partirà. Questi sono fatti determinati da un giornalino locale come lo chiama lei, ma anche in questo caso si sbaglia oggi Dialogos non solo è letto nel corleonese ma è letto a Roma come a Firenze, è il dono della globalizzazione informatica. Poi lei dice che le nostre proposte sono irrealizzabili: è irrealizzabile uno sportello per l'agricoltura,il mercato ortofrutticolo, una riconversione delle colture? E' irrealizzabile avere delle strade a norma, che si attivi un sistema di videosorveglianza per la villa, investire sugli immobili del centrostorico? Se questi sono punti da paragonare al collegamento con Malpensa siamo davvero messi male. Queste cose sono realizzabili in una prospettiva di 5 anni e più. Ad es. a Palermo hanno investito proprio sul centrostorico e dopo 10 anni Palmermo è cambiata. Si da lavoro, si mette in funzione l'economia e poi si rende la città più bella e più sicura. Potrebbe essere più complicato risolvere il problema caseificio ma lo si deve risolvere o fare una piscina coperta, ma ci si può pensare. Altro che utopie! Mi spiace caro lettore che non ha proprio capito lo spirito dell'articolo e di Dialogos, inoltre siamo stati sempre pronti a partecipare a incontri e a fare proposte al Sindaco Iannazzo, quindi ad essere attivi. Abbiamo che ammesso nell'articolo che il Sindaco Iannazzo è stato pronto è attento a recepire le nostre critiche quindi l'onestà emerge anche in questo caso. Sui sondaggi non le rispondo se vuole ce li proponga lei.

Giuseppe Crapisi

Redazione Dialogos ha detto...

sono proprio curioso di sapere quali sono le proposte fatte dal "Sig. Hogan08"... per il resto confermo e approvo tutto quello che ha detto il "dialogante" e più importante sottoscrivente Giuseppe.

facci sapere....

Francesco Milazzo

Stranistranieri ha detto...

Grande! Finalmente qualcuno che risponde....e non si firma. Sono le ide che circolano con l'informazione, la comunicazione, ognuno deve fare la propria parte, chi è stato eletto è colui che deve rispondere ai cittadini. La parola serve per ricordare gli impegni presi. E chi scrive deve poter continuare a sporcare d'inchiostro, dignitosamente, qualche paginetta.

Antonia Arcuri ha detto...

Sig.Hogan08
essere ragazzi dialoganti è una condizione bellissima; se poi si è impegnati socialmente e politicamente, lo è ancor di più.
Antonia Arcuri

jessicafirenze ha detto...

Non capisco proprio che cosa si voglia imputare a Giuseppe.
E' normale, sia a sinistra sia a destra, che gli elettori confrontino le promesse di chi hanno eletto con la sua effettiva opera.
Di più: è responsabilità politica, è dovere civico di un popolo sovrano del proprio governo o amministrazione che sia.
Chi è eletto siede lassù (o laggiù dipende i punti di vista) perchè è stato scelto per i progetti che dichiarava, per il bene degli elettori... chi tradisce le aspettative del proprio popolo DEVE ESSERE GIUDICATO!

Antonia Arcuri ha detto...

art.21 della Costituzione italiana:
Tutti hanno il diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. la stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure...
Antonia Arcuri