martedì 25 dicembre 2007

Sussurrando la libertà

Se vai sussurrando
Libertà libertà libertà
Libertà Libertà ,…
prima o poi arriva
Nessuno
la può fermare
Arriva impetuosa
dalle barricate
bisogna scansarsi
perché irrompe
e scuote..
Se vai sussurrando…(A.A.)
libertà..libertà…..

Emanuele Giordana, nell’articolo dal titolo”Sussurrando la libertà”, pubblicato sulle pagine del Sole 24 Ore (8 Dicembre 2007) riporta un’intervista a Carlos Felipe Ximens BELO, fautore nel 1999 dell’ indipendenza di Timor Est , ex colonia portoghese che nel 1975 era diventata la 25° provincia indonesiana.
Belo, insignito con il premio Nobel nel 1996, è un sacerdote.
Attualmente, vive in un monastero per motivi di salute, nonostante sia ancora giovane, è nato nel 1948, ha dovuto rimettere il mandato di Primate di Timor Est.
Giordana nel suo articolo, descrive Belo come una persona che non ama parlare di sé, molto schivo, ma anche molto diretto ed essenziale quando afferma un’idea.
“Come fa un pastore d’anime a essere anche, se non soprattutto
un pastore di uomini?Vengono in mente le tuniche porpora della Birmania. Quei monaci coraggiosi che, grazie all’abito monacale, accesero la protesta.”
Belo risponde così:
“Non si possono incrociare le braccia dinanzi a un paesaggio dominato da chi non rispetta la particolarità della cultura. E di fronte a uno scenario sconfortante, dominato dalla povertà e dall’ingiustizia, bisogna saper remare contro la marea che monta.”
(Tratto da “Sussurrando la libertà” di Emanuele Giordana, il Sole 24-Ore, 9 dicembre, 2007)

Antonia Arcuri

Nessun commento: