lunedì 19 novembre 2007

‘U deputatu 'ncravattatu


Ho letto l'articolo sui deputati assenti ma presenti: La mia risposta, i nforma di poesia, é datata 1998. Lo spunto é stato un rifiuto a farmi entrare dentro l'ARS perché non avevo la cravatta, che é d'obbligo, apparentemente, anche per firmare il cartellino di presenza (alla buvette).

Leoluca Criscione



‘U deputatu 'ncravattatu

Rintra u siculu parlamentu

a cravatta è cumannamentu,

u nostru deputatu

é sempri 'ncravattatu.


Senza cravatta, nuddu trasi,

né Toto', né Ninu, né Brasi,

u nostru deputatu

é sempri 'ncravattatu.


Nne minuti cca é prisenti,

e nne jorna cca é assenti,

u nostru deputatu

é sempri 'ncravattatu..


Quannu parra,

e quannu sparra,

u nostru deputatu

é sempri 'ncravattatu.


Quannu s'acchiappa i miliuna,

o quannu mancia muluna,

u nostru deputatu

é sempri 'ncravattatu.


Quannu fa all'ammuri,

o quannu avi duluri,

u nostru deputatu

é sempri 'ncravattatu..


Quannu scancia cammiali,

o é chiamatu 'o tribunali;

u nostru deputatu

é sempri 'ncravattatu..


Nn’casa, nn’parlamentu,

all'Ucciarduni o nn'cunventu,

u nostru deputatu

é sempri 'ncravattatu.


Quannu cari u guvernu,

d'estati o d'invernu,

u nostru deputatu

é sempri 'ncravattatu.


Purtari a cravatta o pettu,

ristò, ormai, l'unicu rispettu:

u nostru deputatu

é sempri 'ncravattatu.


Autore: Leoluca CRISCIONE

ANNO 1998



1 commento:

Anonimo ha detto...

La poesia è bellissima: pungente, ricca di humour e di verità.
Ho riso, anche se di un riso amaro.
Oggi ho visto in tv un'intervista a Consolo, il quale diceva: - Bisogna stare attenti a quel che succede alla Regione, al Comune e alla Provincia, i luoghi delle istituzioni amministrative, e politiche.
Occorre vigilare, perchè se no in Sicilia non può cambiare nulla.
Antonia Arcuri