martedì 21 agosto 2007

La fine dei Corleonesi?


Incontro dei volontari del progetto “Liberarci dalle spine” con Francesco La Licata Vicedirettore de “La Stampa”

Dopo questa breve pausa di ferragosto ricominciamo subito la nostra attività associativa. Infatti, lunedi sono arrivati i ragazzi del settimo campo del progetto “Liberarci dalle Spine”. Ragazzi che vengono a trascorrere parte delle loro vacanze per venire a dare una mano nei campi ai soci della Cooperativa “Lavoro e non solo” dell'Arci. Noi ancora non li abbiamo incontrati ma avremo quindici giorni per conoscerci. Sono già venuti a Corleone tantissimi ragazzi, ma questo è il campo con il maggior numero di volontari. Quest'anno Corleone si è riempita, oltre che degli emigranti che ritornano per le ferie, di giovani ragazzi che hanno voglia di cambiare e di farci cambiare. Il significato più profondo che lanciano e che la lotta alla mafia è una lotta di tutta l'Italia e non solo di noi siciliani. Oltre al lavoro concreto che fanno nei campi importante è la loro presenza. Questi campi hanno visto la partecipazione del circolo IncontrArci di Corleone. Il nostro compito è quello di cercare di fare capire cosa è il fenomeno mafia, lo abbiamo fatto attraverso guide nei luoghi simbolo di Corleone. Abbiamo voluto trasmettere che Corleone è la terra natia di mafiosi, ma anche di uomini che hanno combattuto contro la mafia. Poi ci siamo occupati di far comprendere il fenomeno mafia attraverso la proiezione di film e documentari, che spesso ha portato a interessanti dibattiti. Ma per questa volta abbiamo voltuto fare di più, infatti in occasione di questo campo e per festeggiare i 5 anni del nostro bimestrale “Dialogos” stiamo organizzando un dibattito nel quale è stato invitato il vicedirettore de “La Stampa” Francesco La Licata. Abbiamo voluto denominare questo incontro: la fine dei Corleonesi?. Chiederemo al dott. La Licata di fare un excursus dell'ascesa della famiglia dei corleonesi all'interno di Cosa Nostra e se oggi, con la cattura di Provenzano, possiamo affermare che ormai è finita l'egemonia di questa famiglia, oppue no. Sarà per i ragazzi volontari e per noi un incnontro interessante, un momento di ascolto di un giornalista esperto e conoscitore del fenomeno, ma servirà anche per dibattere e cercare di capire cosa sta succedendo oggi dentro Cosa Nostra. Il dott. La Licata prenderà sicuramente spunto dal suo ultimo importante libro “ Pizzini Veleni Cicoria” scritto con il Procuratore Nazionale Antimafia Pietro Grasso e che prendendo spunto dalla cattura di Bernardo Provenzano da una visione della mafia di oggi, arcaica (pizzini, masseria) ma nello stesso tempo innovativa (investimenti globalizzati). Nel libro emerge il rapporto della mafia con la politica e con l'impresa. L'incontro si svolgerà, venerdi 24 agosto alle ore 18:00, presso il Centro Sociale, in Contrada S. Lucia. Non mi resta che invitarvi a partecipare!

Giuseppe Crapisi

Nessun commento: