di palermocartolibreria Di Palermo Corleone

Mobili mArsalisiMobili Marsalisi

Iscriviti i alla newsletter








Cantina Kaggio, consegnati i lavori: diventerà un centro di stoccaggio
articoli - Antimafia&mafia

Nella cantina Kaggio confiscata a Totò Riina, piu' di 20 anni fa, sorgerà un centro aziendale, che servira' come centro di stoccaggio per la commercializzazione dei prodotti delle coop sociali Lavoro e Non Solo, Libera Terra e Placido Rizzotto che gestiscono altri terreni e beni confiscati in quello stesso territorio.

Il progetto già finanziato, con fondi del PON Sicurezza 2007 – 2013 -per un importo di 2 milioni 77 mila euro, è stato realizzato dall'architetto Enzo Affranchi che si occuperà anche della direzione dei lavori che saranno realizzati dal raggruppamento temporaneo di imprese, costituito dalla Cofedil e dalla Tecno Costruzioni.

 
Consegnati al Comune di Corleone due minibus a basso impatto ambientale
Comunicati stampa - Comune di Corleone

mini_busSono stati consegnati giorno 15 Aprile 2014 al Comune di Corleone , capofila del Distretto Socio Sanitario D40, i due minibus a basso impatto ambientale, che saranno adibiti ai servizi di trasporto per le persone disabili. Un finanziamento di € 94.900, 00 a valere sui fondi del PIST, per l'attuazione del PO FESR 2007-2013, con riferimento all'Asse VI "Sviluppo Urbano Sostenibile" linea di intervento 6.2.2.3. Doppia la soddisfazione espressa dal Sindaco Lea Savona per il risultato raggiunto: "Grazie al progetto, è stato possibile acquistare i due FIAT Ducato 13 posti a metano, che determineranno un impatto positivo per la qualità dell'aria,dovuto alla diminuzione delle emissioni di CO2 e, nello stesso tempo, permetteranno agli anziani e ai disabili residenti nel Distretto di spostarsigratuitamente per accedere ai servizi sanitari, riabilitativi, educativi e ricreativi

offerti dal territorio":

Corleone li, 17.04.2014

 
Sono Palermo e Trapani le province più vulnerabili alla mafia
articoli - Antimafia&mafia

Le province siciliane che dal punto di vista economico sono più vulnerabili alle infiltrazioni della criminalità organizzata sono Palermo e Trapani. Inoltre, per 4 imprenditori su 5 la relazione mafia-imprese ha inquinato le dinamiche di crescita socio-economiche. È quanto emerge dalla rilevazione sull'interazione tra economia legale e illegale dell'Osservatorio economico della provincia di Palermo in collaborazione con l'Istituto Tagliacarne di Roma

 
I latitanti più pericolosi d’Italia: ecco chi sono
articoli - Antimafia&mafia

Ecco l'elenco dei latitanti di massima pericolosità prodotta dal Ministero dell'Interno. Questi uomini sono ricercati dal «Gruppo integrato interforze» e per tutti sono state diramate le ricerche in campo internazionale. Nella lista, «l'asso di cuori», il ricercato numero uno, è Matteo Messina Denaro, nato il 26 aprile del 1962 a Castelvetrano (Trapani). È ricercato dal il 1993 per associazione di tipo mafioso, omicidio, strage, devastazione, detenzione e porto di materie esplodenti e furto 

http://www.corriere.it/foto-gallery/cronache/14_aprile_10/i-latitanti-piu-pericolosi-d-italia-ecco-chi-sono-660a40bc-c0bf-11e3-95f0-42ace2f7a60f.shtml

 
Mafia, omicidi Inzerillo negli Usa Assolti i due imputati a Palermo
articoli - Antimafia&mafia

La Corte d'Assise di Palermo ha assolto Filippo Casamento, accusato dell'omicidio di Antonino Inzerillo, mentre è stato dichiarato prescritto il reato per il pentito Rosario Naimo, che usufruisce dei benefici dei collaboratori di giustizia.

Per l'assassinio di Pietro Inzerillo, è stata prevista l'assoluzione per entrambi gli imputati. Pietro e Antonino Inzerillo, uccisi negli Stati Uniti rispettivamente nel 1981 e '82, sono parenti del capomafia Salvatore, appartenenti alla fazione costretta a lasciare la Sicilia dai corleonesi di Totò Riina. Proprio per "graziare" gli scappati, sarebbe stata richiesta dalla mafia siciliana la testa di Antonino Inzerillo.

 
Strage di Pizzolungo, una commissione di inchiesta non è più rinviabile
articoli - Antimafia&mafia

La strage mafiosa di Pizzolungo del 2 aprile 1985 è ancora un capitolo giudiziario aperto. Le sentenze che hanno condannato i mandanti Totò Riina e Vincenzo Virga, il capo della cupola siciliana e il boss capo mafia del mandamento di Trapani, e come esecutori Nino Madonia e Balduccio Di Maggio non hanno fatto luce sul movente. E' la stessa cosa accaduta per altri delitti e altre stragi. Da quello del pubblico ministero trapanese Gian Giacomo Ciaccio Montalto, sino ad arrivare agli efferati e sanguinosi attentati di Roma, Milano e Firenze del 1993.

 
Trova il titolo
Rubriche - I libri di Silvia

trova_il_titoloSalve lettori, siamo arrivati al terzo appuntamento di "Trova il titolo". Sfortunatamente la scorsa volta nessuno ha indovinato il titolo che si celava dietro i tre indizi, non perdete le speranze e continuate a provare perché verranno riproposti in seguito. Ormai conoscete le regole ma ricordo che l'indirizzo mail a cui mandare la soluzione è Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. . Il premio in palio è uno dei libri più famosi di Fabio Volo "E' una vita che ti aspetto" potrete leggere la recensione nella rubrica "I libri di Silvia". Buona fortuna.

- Aria, acqua e terra sono gli elementi che costituiranno i campi di sfida.

- Il malocchio sarà tanto presente quanto misterioso.

- E' un vero mago nel mettersi nei guai.

 
Giurisprudenza, 9 e 10 aprile la terza giornata universitaria dell'antimafia
articoli - Antimafia&mafia

In occasione del decimo anniversario della fondazione dell'Associazione "ContrariaMente – Rete Universitaria Mediterranea", si svolgerà, nelle giornate di mercoledì 9 e giovedì 10 aprile presso l'ex facoltà di giurisprudenza di Palermo, la terza edizione della Giornata Universitaria dell'Antimafia dal titolo «La mafia è una montagna di merda» - Dieci anni dopo.

 
Il Comitato Pro Ospedale lunedì incontrerà l’Assessore Borsellino.
articoli - Corleone

Il Comitato Pro Ospedale, avendo avuto notizia della presentazione del Piano della rete ospedaliera all'ARS, si è riunito, il 4 aprile '14 nell'aula consiliare del Comune di Corleone, per discutere in merito alle notizie che trapelano. Intanto, l'assessore Lucia Borsellino ha fatto sapere al Sindaco di Corleone Lea Savona che lunedì incontrerà una delegazione del Comitato Pro Ospedale e li, con fiducia ma anche con cautela, si chiederà di poter avere il Piano per fare le nostre valutazioni.

Il rappresentante del Comitato Pro Ospedale

Giuseppe Crapisi

 

L' Altra Corleone

altra_corleone_logo_200

Legalmente

7GRANI - CAMINANTE

Il brano "caminante' stato realizzato dai 7grani per accompagnare il viaggio in vespa di 4 quarantenni comaschi ,contro le mafie e per la legalita' http://mi-pa.it/

banner_rinscita_corleonese