di palermocartolibreria Di Palermo Corleone

thephom

Iscriviti i alla newsletter








A CORLEONE SI PARLA DI GIOVANI ED EUROPA
articoli - Corleone

europaAvrà luogo giorno 23 aprile a Corleone, presso il Centro multimediale, l’incontro seminariale, presentato dall’associazione studentesca ASU, Lezioni d’Europa. Si discuterà delle misure volte a favorire la mobilità in Europa, come l’erasmus Plus, e delle agevolazioni per le imprese, anche in riferimento al progetto Garanzia giovani: tematiche particolarmente sensibili al mondo giovanile.

 
'Io, Riina, e l'infame Ciancimino'
articoli - Antimafia&mafia

toto riinaL'ex sindaco di Palermo e suo figlio. Le stragi del '92-'93. E Berlusconi. Per la prima volta, parla il capo dei Corleonesi all'ergastolo. Intercettato durante un colloquio in carcere.

Ho detto al magistrato che se nella vita vuole fare il procuratore, faccia il procuratore e faccia il suo dovere di fare il procuratore, e lo faccia bene. Io se sono Riina e lo faccio bene, stia tranquillo. Ognuno deve fare il suo mestiere, il suo lavoro, e lo deve fare bene. Chiuso". Potrebbe intitolarsi: "La mafia spiegata a mio figlio". Una lezione unica, del maestro più esperto: Totò Riina. Il padrino più feroce che ha cambiato Cosa nostra e la storia d'Italia, dopo 14 anni ha potuto incontrare per la prima volta il figlio Giovanni, anche lui detenuto.

 
AUTOBUS ANCHE DI DOMENICA PER GLI STUDENTI DEL CORLEONESE
articoli - Corleone
pullmanLe associazioni studentesche Asu, FareUniversità e Studenti Universitari, rendono noto che è stato raggiunto l’accordo per l’attivazione del servizio bus, per i comuni di Bisacquino, Campofiorito e Corleone per consentire agli studenti universitari di raggiungere Palermo di domenica pomeriggio.
 
Il cordoglio della Camera del Lavoro di Corleone per la scomparsa del Preside Governali
articoli - Corleone
cgil corleoneLa Camera del Lavoro, i giovani, i cittadini onesti di Corleone perdono oggi un grande punto di riferimento. Questo era per noi tutti Pino Governali, “Il Preside”. Un punto di riferimento negli anni e per tantissime generazioni. Uomo di elevatissima cultura, di una ironia sottile, puntuale e pungente, capace di ascoltare chiunque, di parlare e insegnare a chiunque. Uomo onesto, fautore di una politica che parlava alla gente e mai ai palazzi. Mancherà a tutti coloro i quali lo hanno conosciuto e che da lui hanno appreso tanto, ma mancherà soprattutto ai giovani corleonesi che domani vorranno impegnarsi per dare un contributo a questa città. A loro mancherà quel punto fermo, il suo orecchio attento, i suoi consigli, il suo essere a disposizione e soprattutto l’orgoglio che mostrava ogni qual volta che giovani si univano per far qualcosa di buono in questa nostra città Fine della conversazione in chat
 
Ex sindaco contrario a presenza di Riina jr a Corleone «Non si può raccontare la famiglia del mulino bianco»
articoli - Corleone

Nino Iannazzo è stato primo cittadino del Comune palermitano tra il 2007 e il 2012, anni in cui per due volte Giuseppe Salvatore Riina è uscito di prigione e ha tentato di reinserirsi in paese. «Non avevamo mai sentito una presa di distanza dal padre». Cosa che non è avvenuta neanche ieri sera a Porta a Porta.

«Non si possono fare soldi raccontando la storia della famiglia del mulino bianco, quando si sta parlando della famiglia di un mafioso, vissuto tra latitanza e stragi». Ne è convinto Nino Iannazzo, sindaco di Corleone tra il 2007 e il 2012, negli anni in cui per due volte Giuseppe Salvatore Riina, figlio del boss mafioso, è uscito di prigione e ha tentato la via dell'inserimento nel tessuto sociale corleonese.

 
Mafia, i boss silurano Provenzano e Riina: "Se non muoiono non si vede luce"
articoli - Antimafia&mafia

La morte di Bernardo Provenzano e Totò Riina potrebbe aprire una nuova fase per Cosa nostra, auspicata da ampi settori dell'organizzazione criminale palermitana. Così come l'accantonamento di personaggi come i fratelli Graviano e persino Matteo Messina Denaro. Così la pensano esponenti di primo piano della mafia, arrestati ieri nel corso della retata antimafia dei carabinieri del Ros che ha colpito duramente i mandamenti di Villagrazia-Santa Maria di Gesù, a Palermo, e di San Giuseppe Jato, in provincia, con 62 arresti, tra anziani padrini e insospettabili.

 
Caro Preside ci mancherai!
articoli - Corleone

giuseppe governali

Dialogos oggi ha perso un punto di riferimento e sente di doverlo ringraziare pubblicamente e a posteriori con poche e sentite parole. Il Preside Governali è stato per tutti noi maestro dentro e fuori la scuola. A scuola ci ha insegnato il valore civico del pensiero e della lotta politica, ci ha insegnato a guardarci intorno, ci ha fornito gli strumenti per imparare a leggere la realtà e sviluppare un pensiero critico; fuori ci ha insegnato il valore dell’onestà intellettuale e l’importanza dell’agire secondo l’etica. Ci ha educati al valore del silenzio e noi, che, carichi della nostra gioventù, avevamo bisogno di gridare al mondo quello che ci sembrava ingiusto abbiamo cercato di imparare. Alla cittadinanza mancherà lo storico, l’intellettuale, la guida. A noi mancherà un consigliere, un maestro. È stato per noi modello di pensiero e comportamento quando abbiamo deciso di intraprendere progetti difficili sul piano culturale e sociale e, non a caso, abbiamo scelto lui come presidente di giuria per tutti i nostri premi di poesia. Anno dopo anno la nostra stima si è accresciuta tanto che non abbiamo mai trovato alternative alla sua guida. Durante le sedute della commissione ascoltavamo le sue parole, i suoi commenti con vivo e commosso stupore. Di molti versi svelava la bellezza che in molti non vedevamo. Li leggeva, anzi no, li interpretava. La poesia risuonava nella sua voce possente e carica di emozione in tutta la sua bellezza e potenza lirica. Con commozione ringraziamo Il Preside e lo salutiamo con alcuni versi di una poetessa che lui ci ha insegnato ad apprezzare. Scrivo, mi liquido In parole povere In polvere di parole esauste Come olio Sfritto e sconfitto Infitto chiodo nella lingua Vipera che non dice il vero Bifronte Giano con la porta aperta Passa parola, passa corrente. E Solo il brivido testimonia la vita. (Patrizia Sardisco) La Redazione

Le esequi si terranno sabato 9 aprile alle ore 15:30 nella chiesa madre di Corleone

(foto Marilena Bagarella)

 
Erice: manifestazione “non ti scordar di me”, realizzata in memoria di Barbara Rizzo e dei gemellini Giuseppe e Salvatore Asta.
articoli - Antimafia&mafia

Anche per il 2016 la manifestazione prevede un programma ricco di eventi ed incontri, per non dimenticare la strage mafiosa di Pizzolungo del 2 aprile 1985. Gli eventi in programma si svolgeranno dal 30 marzo al 2 aprile 2016.La manifestazione è organizzata in collaborazione con l'Associazione LIBERA, con le Scuole e gli Istituti superiori di Erice (1° Circolo Didattico "G. Pascoli", I.C. "G. Mazzini", I.C. "G. Pagoto", S.M.S. "A. De Stefano", Istituto San Antonio da Padova, I.I.S.S. "Sciascia e Bufalino", I.P.S.E.O.A. "Ignazio e Vincenzo Florio"), e con il Seminario Vescovile di Trapani e il Consorzio per la Legalità e lo Sviluppo.

Allegati:
Scarica questo file (pieghevole def.pdf)Il programma
 
Antimafia, PD: "Pronti a rafforzare ddl sulla legalità con nostre proposte"
articoli - Politica

"Il Partito Democratico è pronto a dare il proprio contributo per arricchire e rafforzare il disegno di legge sulla 'Giornata della legalità e del Forum contro la mafia': su questi temi non possono esserci tatticismi né distinzione di colore politico, serve il contributo di tutti". Lo dicono i parlamentari regionali PD Giovanni Panepinto, ed Antonella Milazzo a proposito del ddl "Istituzione della 'Giornata regionale del ricordo e della legalità' e del 'Forum permanente contro la mafia e la criminalità organizzata' e del Museo regionale della legalità", il cui esame è iniziato in commissione Affari istituzionali all'Ars.