di palermocartolibreria Di Palermo Corleone

thephom

Iscriviti i alla newsletter








Sanità siciliana: La nuova mappa dei posti letto
articoli - Politica

PALERMO - Ecco la nuovo “mappa” dei posti letto in Sicilia. Sono suddivisi in Distretti Sanitari dove a sua volta confluiscono anche i cosiddetti “ospedali riuniti”. Ed ancora le cinque aziende ospedaliere, le tre aziende ospedaliere universitarie Policlinico e gli ospedali cosidetti di sperimentazione gestionale. 

ASP PALERMO (Totale posti letto 745).

Distretto 1 con ospedalie riuniti “Partinico-Corleone” con 154 posti letto nel primo (142 ordinari e 12 day hospital) e 75 nel secondo (69 ordinari e 6 dh). Distretto 2 Termini-Petralia: nel primo 149 posti (135 ordinari e 14 dh) nel secondo 70 (66 ordinari e 4 day hospital). Distretto 2 Ingrassia-Villa delle Ginestre: 162 posti nel primo (148 ordinari e 14 dh), 60 nel secondo.

 
Ribaudo (Pd): “Soddisfazione per l’esenzione totale dell’Imu agricola in 3.456 Comuni: ripagata la nostra battaglia in Commissione Finanze”
articoli - Politica

- "Esprimo tutta la mia soddisfazione per la decisione presa dal governo che con un consiglio dei Ministri straordinario tenutosi poche ore fa, ha risolto il problema dell'Imu agricola montana, fissando nuovi criteri per il pagamento con esenzione totale per 3456 comuni e parziale per 655 comuni". E' quanto afferma in una nota il parlamentare del Pd Franco Ribaudo.

 
Imu agricola: a Corleone non si pagherà.
articoli - Corleone

tagliaviaCorleone risulta dall'elenco ISTAT comune montano e quindi, in base a quanto deciso dal Governo Renzi, non si pagherà l'IMU agricola.

 
Un sabato di legalità: la Consulta Giovanile di Palazzo Adriano incontra la cittadinanza
articoli - Corleone

palazzo adrianoPALAZZO ADRIANO – Si svolgerà presso la Sala Antica del Palazzo Dara a Palazzo Adriano il convegno da titolo "C'era una volta la mafia...o c'è ancora?", in programma sabato 24 gennaio a partire dalle ore 16.00, organizzato dalla Consulta Giovanile.

L'iniziativa, finalizzata alla sensibilizzazione ai temi della legalità, della cultura dell'antimafia e a conoscere le strategie di lotta alla criminalità organizzata, si articolerà come dibattito aperto e vedrà intervenire rappresentanti delle Istituzioni, dell'associazionismo palermitano e locale.

Nel corso della manifestazione Ismaele La Vardera, giovane praticante giornalista conosciuto ormai in tutta Italia per la sua inchiesta andata in onda durante il programma televisivo Le Iene, presenterà il suo primo libro "Le piccole cose fanno la differenza, il silenzio è dolo". 

 
CRONACA Mafia, Coldiretti: Gli affari dalle riserve di caccia all'extravergine
articoli - Antimafia&mafia

Roma, 19 gen. (LaPresse) - Dal latifondo di circa 300 ettari utilizzato in passato come riserva di caccia dei più noti capimafia come Brusca e Provenzano all'olio extravergine di oliva prodotto nelle aziende che sembrano fare capo al boss mafioso latitante Matteo Messina Denaro fino alle energie pulite come l'eolico. Sono le ultime frontiere del business delle agromafie che generano un volume di affari di 15,4 miliardi nel 2014 (+10 per cento) secondo il rapporto Coldiretti/Eurispes. E' quanto afferma la Coldiretti nel commentare positivamente le operazioni delle forze dell'ordine che per ultimo hanno visto gli agenti della Direzione investigativa antimafia (Dia) di Caltanissetta confiscare beni per circa 50 milioni di euro con anche terreni per un estensione complessiva di circa 350 ettari.

 
Corleone, grazie al forte impegno del Pd il consiglio ha approvato la delibera di concessione dei locali all'Agenzia delle Entrate
articoli - Corleone

FONTE: cittanuove-corleone.net

Per l'amministrazione comunale di Corleone anche le cose più facili diventano difficili. Per scongiurare la chiusura della sezione locale dell'Agenzia delle Entrate e il suo trasferimento a Palermo, bisognava che il consiglio comunale approvasse una delibera di concessione in comodato d'uso gratuito di idonei locali, precisando come richiesto dal direttore provinciale della stessa Agenzia che il comune si doveva fare carico anche delle spese di gestione (acqua, luce, riscaldamento, pulizie). Lo scorso venerdì 9 gennaio, in aula, l'assessore al patrimonio Vincenzo Macaluso dichiarava che l'amministrazione comunale intendeva fare di tutto per mantenere a Corleone l'Agenzia delle Entrate. Proponeva una delibera, però, dove non c'era l'impegno a farsi carico delle spese di gestione. "E' una delibera-farsa, un modo per prendere in giro i cittadini, facendo capire che si vuole salvare il servizio, non predisponendo però gli atti idonei a garantire il risultato", abbiamo fatto presente, intervenendo a nome del gruppo Pd. "Se si vuole conseguire il risultato auspicato bisogna modificare l'atto ed inserirvi la disponibilità a farsi carico delle spese di gestione, come noi vogliamo fare con un emendamento che depositiamo alla presidenza", abbiamo aggiunto.

 
Il ritorno di Saveria, le pagine de L’Ora e il mistero del ’92
articoli - Antimafia&mafia

Il 5 aprile del '92 la moglie di Provenzano si materializza a sorpresa a Corleone dopo vent'anni passati alla macchia a fianco del marito, il superlatitante Bernardo Provenzano. Il collaboratore Filippo Malvagna rivela di aver saputo da un carabiniere "amico" che nel periodo tra le due stragi siciliane la donna si incontrava con un capitano dell'Arma. Una vicenda che oggi viene riletta nel quadro della trattativa Stato-mafia.

Questa è la storia di una donna che torna a casa, nella sua casa di Corleone, dopo vent’anni passati alla macchia accanto al capo della mafia trattativista, alla vigilia delle stragi siciliane del ’92. E’ la storia di Saveria Benedetta Palazzolo, ex camiciaia di Cinisi, il paese di don Tano Badalamenti, ma soprattutto moglie del bossBernardo Provenzano, che il 5 aprile di quell’anno, il giorno delle ultime elezioni politiche della Prima Repubblica, si presenta alla stazione dei carabinieri del paesino tra le montagne del palermitano: “Sono la donna di Provenzano – dice – non ho conti aperti con la Giustizia. Voglio vivere a Corleone in santa pace”. La vicenda è raccontata in un articolo pubblicato l’11 aprile del ’92 dal quotidiano L’Ora, pochi giorni prima della chiusura definitiva di quel giornale: ”La donna del padrino – scrive il cronista de L’Ora – è protetta: le hanno dato una scorta. Gli investigatori hanno paura che questo ritorno significhi qualcosa di più. Temono che ai vertici di Cosa Nostra sia avvenuta una spaccatura insanabile”.

 
Premio di poesia e narrativa “San Domenichino-Città di Massa 2015”.
Regolamento di partecipazione al premio di   poesia e narrativa “San Domenichino-Città di Massa 2015”.
Allegati:
Scarica questo file (S. D. Regolamento della 56 Ed. S.D. 2015-1.doc)Regolamento
 
Vita da missionario, Scimeca racconta Biagio Conte
articoli - Cultura

La storia di un uomo alla ricerca spirituale di sé stesso e del mondo, raccontata con il desiderio di arrivare al cuore delle cose: "Biagio" è il nuovo film di Pasquale Scimeca, già premiato col Green Movie Award al Festival di Roma, che il 21 gennaio sarà in sala a Palermo al cinema Gaudium, (via Damiani Almeyda, 32).

Protagonista è Biagio Conte con il volto convincente di Marcello Mazzarella, che regge sulle sue spalle l'intero film: si racconta la storia del missionario laico palermitano nella fase iniziale della sua ricerca spirituale, sulle tracce di San Francesco. La vita solitaria in montagna, l'incontro con le persone, le decisioni prese con forza; e dalle montagne di Corleone, il viaggio verso Assisi, l'arrivo nella basilica del Santo dipinta da Giotto, dove appare chiara la consapevolezza totalizzante delle possibilità umane.